Palestina, mani tese alla pace

25.09.2019 - Redazione Italia

Palestina, mani tese alla pace

Lo scorso 18 settembre, durante una visita ufficiale in Norvegia, il Ministro degli Esteri della Palestina, Riad Malki, a nome del Presidente Abu Mazen, si è espresso chiaramente a favore di una ripresa dei negoziati con il futuro Primo Ministro di Israele. Questa apertura rappresenta, secondo il Ministero degli Esteri, una posizione politica saggia e un’occasione di pace importante per tutta la comunità internazionale, “non solo per il nostro popolo palestinese che resiste, ma anche per gli israeliani, per l’intera regione e per il mondo”.

D’altra parte, la leadership palestinese ha sempre partecipato a tutte le forme di negoziato, assumendosi le proprie responsabilità e rispettando gli obblighi che ne derivavano. Sta adesso al resto del mondo, e in particolare ai Paesi Membri del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, il compito di “cogliere questa opportunità, che potrebbe essere l’ultima, e intraprendere azioni concrete per rilanciare un negoziato serio tra palestinesi e israeliani sotto una supervisione multilaterale e in linea con i termini di riferimento concordati a livello internazionale. Un fallimento in questo senso avrebbe un impatto negativo sulla possibilità di raggiungere una pace basata sulla soluzione dei due Stati”.

Vedi: http://english.wafa.ps/page.aspx?id=YR2tp4a113509869792aYR2tp4

Ambasciata di Palestina – Roma

Categorie: Comunicati Stampa, Medio Oriente, Pace e Disarmo
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 20.11.19

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.