Mare Jonio, donne e bambini sbarcati a Lampedusa. In 34 ancora ‘bloccati’, l’allarme dalla nave: “Manca l’acqua”

30.08.2019 - Salvo Cataldo - Agenzia DIRE

Mare Jonio, donne e bambini sbarcati a Lampedusa. In 34 ancora ‘bloccati’, l’allarme dalla nave: “Manca l’acqua”
(Foto di agenzia Dire)

Mediterranea parla di rischio di emergenza igienico-sanitaria a bordo. E lancia l’appello per gli altri naufraghi: “Fateli scendere tutti”.

Sono sbarcati sull’isola di Lampedusa, nella tarda serata di ieri bambini, donne incinte e naufraghi “più vulnerabili” che erano stati tratti in salvo dalla Mare Jonio.

Lo sbarco è avvenuto attraverso il trasbordo su una motovedetta della guardia costiera. “Siamo felici e sollevati per loro e grati agli uomini e alle donne della Guardia Costiera e ai medici del personale sanitario che hanno effettuato il trasbordo in condizioni meteo marine avverse, come segnaliamo da stamattina – scrive sui social Mediterranea Saving Humans. Un approdo in porto o un punto di ridosso protetto dal mare grosso sarebbe stato certamente più sicuro.Rimangono a bordo 34 persone, tra cui donne sole, uomini in condizioni precarie a seguito di maltrattamenti e torture e in stato di stress post traumatico. Chiediamo con forza che questi naufraghi, insieme all’equipaggio, possano sbarcare prima possibile: a bordo la situazione rimane precaria”.

LEGGI ANCHE: ​Mare Jonio, i medici: “È emergenza sanitaria”, De Magistris: “Conte ordini sbarco”

“Siamo quasi senza acqua” proseguono poi dalla nave: “Al moto ondoso che non ci lascia tregua si è aggiunto un guasto all’evaporatore e al dissalatore che ci privano di acqua corrente: siamo senza rubinetti, cucina e bagno e rimane solo acqua in bottiglia.

Queste persone non possono, non devono aspettare che le loro condizioni di salute si aggravino ulteriormente per essere autorizzati a scendere – è il messaggio di Mediterranea. Fateli sbarcare, fateci sbarcare. Tutti“.

LEGGI ANCHE: Migranti, Trenta contro Salvini: “Non può azzerare il diritto al soccorso di donne e bambini”

MEDITERRANEA: RISCHIO – IGIENICO SANITARIO SU MARE JONIO

“Questa mattina alle 9, il personale sanitario di bordo di nave Mare Jonio ha inviato alle autorità competenti una nuova richiesta urgente di entrata in porto della nave, a causa del rischio di emergenza igienico-sanitaria. In particolare, a destare allarme è la mancanza di acqua destinata a uso igienico e alle altre necessità di bordo, mancanza che si protrae da ormai 40 ore e di cui le autorità sono informate già dalle prime ore di ieri mattina”. Lo annuncia Mediterranea con un comunicato che appare sui social della rete delle associazioni italiane che con nave Mare Jonio da mesi sta monitorando il Mediterraneo centrale, salvando vite.

“Sottolineiamo che questa emergenza non può evidentemente essere risolta con il semplice invio di bottiglie di acqua. Desta allarme inoltre la presenza a bordo di rifiuti derivanti dal salvataggio e dalla permanenza a bordo dei naufraghi (come i vestiti impregnati di benzina e di deiezioni):il rischio di malattie comunitarie è aggravato dalla mancanza d’acqua, con conseguenti possibili danni per la salute di naufraghi ed equipaggio”.

Categorie: Europa, Migranti
Tags: , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 21.02.20

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

Chiudiamo le pagine di chi spegne i sorrisi

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.