Unicef/Ebola: cresce il rischio di diffusione in Sud Sudan dalla Repubblica Democratica del Congo

29.07.2019 - UNICEF

Unicef/Ebola: cresce il rischio di diffusione in Sud Sudan dalla Repubblica Democratica del Congo
(Foto di UNICEF)

Coinvolte 3 milioni di persone in Sud Sudan con messaggi di prevenzione

29 luglio 2019 — Secondo l’UNICEF, ricevere delle informazioni fondamentali su come proteggersi dall’Ebola, salva vite. Da gennaio 2019, l’UNICEF e i suoi partner hanno coinvolto più di 3 milioni di persone in Sud Sudan con messaggi di prevenzione sull’Ebola.

Questa settimana cade l’anniversario del primo anno dell’epidemia del virus Ebola ancora in corso nella vicina Repubblica Democratica del Congo, che ha già ucciso più di 1.700 persone. La Repubblica Democratica del Congo è nella morsa della seconda peggior epidemia di Ebola nella storia. Il rischio della diffusione dell’Ebola attraverso i confini in Sud Sudan è significativo e in aumento. L’UNICEF sta lavorando con il Governo del Sud Sudan, altre agenzie delle Nazioni Unite e partner per diffondere messaggi di prevenzione e coinvolgere le comunità per aiutarle a proteggersi dalle malattie.

L’UNICEF sta supportando gli sforzi nazionali di preparazione all’Ebola in Sud Sudan che, se adeguatamente finanziati, consentiranno al Sud Sudan di rispondere velocemente e in maniera concreta ad una possibile epidemia di Ebola nel paese. L’UNICEF coordina con il Governo il gruppo di lavoro tecnico sulla comunicazione del rischio, la mobilitazione sociale e il coinvolgimento delle comunità per informare le comunità sulla malattia e coinvolgerle in attività di prevenzione. Inoltre, l’UNICEF e il governo coordinano il gruppo di lavoro tecnico sulla prevenzione e il controllo dei contagi, che assiste gli operatori sanitari e altri operatori sul campo nello svolgimento delle loro mansioni in modo sicuro e sostiene l’accesso all’acqua e ai servizi igienico-sanitari nelle strutture sanitarie, nelle scuole e nei luoghi pubblici.

“Con l’Ebola più vicina di prima al Sud Sudan, non abbiamo tempo da perdere. Dobbiamo essere preparati a rispondere a un’epidemia nel paese, ma prima e soprattutto dobbiamo fare il possibile per evitare che la malattia raggiunga il Sud Sudan,” ha dichiarato il dottor Mohamed Ad Ayoya, Rappresentante dell’UNICEF in Sud Sudan. “Il coinvolgimento attivo delle comunità è la chiave per fermare la diffusione. Stiamo lavorando a stretto contatto con le comunità per creare consapevolezza e comprendere le vie di trasmissione, promuovere la pulizia delle mani e buone pratiche igieniche, le misure di prevenzione più efficaci.”

L’UNICEF in Sud Sudan si focalizza sulle popolazioni – e il loro coinvolgimento – che sono più a rischio negli stati al confine tra Repubblica Democratica del Congo e Uganda. L’UNICEF e i suoi partner hanno formato 450 operatori che, porta a porta, organizzano incontri per le comunità e coinvolgono leader locali e religiosi per diffondere messaggi salvavita.

“I nostri operatori e partner sul campo che lavorano nelle comunità confermano che un numero sempre più consistente di persone è consapevole dell’Ebola e delle misure di protezione che possono attuare per fermarne la diffusione,” ha continuato Ayoya. “L’individuazione precoce e il contenimento dei tre casi di Ebola in Uganda nel mese di giugno rappresentano il risultato di una maggiore sensibilizzazione dell’opinione pubblica e dimostrano il vero valore del lavoro di prevenzione e di collaborazione con le comunità. Finché l’Ebola rimane alle nostre porte, non possiamo riposare e dobbiamo portare avanti i nostri sforzi”.

Tra gennaio e luglio 2019, l’UNICEF e i suoi partner hanno:

  • Raggiunto più di 850.000 persone attraverso comunicazioni interpersonali e di gruppo guidate da 450 operatori di comunità;
  • Raggiunto 2 milioni di persone con messaggi di prevenzione sull’Ebola attraverso passaggi settimanali di informazioni e talk show sul virus dell’Ebola attraverso 18 stazioni radio in 6 lingue;
  • Supportato 70 strutture sanitarie, 4 unità di isolamento e 7 unità di transito in aree ad alto rischio con aiuti e servizi per la Prevenzione e il Controllo della Malattia e servizi e aiuti igienico-sanitari.
  • Formato più di 200 operatori sul campo sulle misure di Prevenzione e Controllo della Malattia;
  • Installato unità per la pulizia delle mani, distribuito sapone e promosso pratiche igieniche e attività informative sull’Ebola in luoghi pubblici, fra cui scuole, chiese e mercati, raggiungendo circa 300.000 persone nelle comunità più a rischio.

L’UNICEF Sud Sudan necessita di 4,3 milioni di dollari per finanziare attività di prevenzione e preparazione al virus Ebola fino alla fine di settembre 2019. Ad oggi, solo il 14% è stato finanziato. L’UNICEF ringrazia i Governi di Regno Unito e Germania, Banca Mondiale e CERF per aver finanziato le attività di preparazione e prevenzione in Sud Sudan.

Per maggiori informazioni

Ufficio Stampa UNICEF Italia, tel: 06 47809346-272; cell: 334/1196798; email: press@unicef.it; Twitter: @UNICEF_ITAmedia; sito web: www.unicef.it

Categorie: Africa, Comunicati Stampa, Salute
Tags: , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.