Libia, un porto sicuro

11.07.2019 - Raffaele Masto

Libia, un porto sicuro
(Foto di Buongiorno Africa)

Questa è la Libia. questo è il porto sicuro che Salvini promuove ogni volta che una nave di migranti chiede un approdo nel Mediterraneo. La bomba che ha fatto oltre quaranta morti a Tajura è solo l’ultimo e più eclatante caso di una guerra che non è scoppiata ora, ma si combatte da diversi anni. E, oggi come qualche anno fa, i migranti sono la variabile di questa guerra, una moltitudine di ostaggi, una sorta di arma usata sia dalle milizie di Sarraj sia da quelle di Haftar.

La teoria del “porto sicuro” non è una creazione del leader leghista. Fu inventata da Minniti quando l’Europa fermò la rotta balcanica facendo un accordo con la Turchia: sei miliardi a Erdogan in cambio del blocco dei migranti. L’Italia di Gentiloni aveva bisogno di “una Turchia” alla propria frontiera sud. La trovò nella Libia, sebbene fosse già in guerra, infestata da trafficanti e milizie e piena di armi degli arsenali di Gheddafi. Puntò su un uomo, Sarraj, e lo fece diventare “presidente”. Non era la “Turchia” ma poteva funzionare.

Salvini ha ripreso “paro paro” quell’impostazione: denaro alle milizie, armi e motovedette alla guardia costiera. Con in più il blocco dei porti alle navi delle ong. E i migranti? E i centri di detenzione? E la strage di Tajura? Chissenefrega.

Link all’articolo originale

Categorie: Africa, Europa, Migranti, Politica
Tags: , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.