Botswana, l’omosessualità non è più un reato

12.06.2019 - Riccardo Noury

Quest'articolo è disponibile anche in: Francese, Greco

Botswana, l’omosessualità non è più un reato
(Foto di Pixabay)

L’11 giugno l’Alta Corte ha accolto un ricorso dell’ong Legabibo (Lesbians, gays and bisexuals of Botswana) e dichiarato incostituzionali gli articoli del codice penale, risalenti al periodo coloniale, che criminalizzavano gli atti omosessuali tra adulti consenzienti attraverso la sanzione dei “reati contro natura” e delle “pratiche indecenti”.

Prosegue dunque la tendenza dell’Africa verso la decriminalizzazione delle relazioni omosessuali. In questo decennio era già accaduto in Lesotho e Sao Tomé y Principe (2012), Mozambico (2015), Seychelles (2016) e Angola (2019). Tuttavia, è un cammino che dev’essere intrapreso ancora da 29 stati del continente.

 

Categorie: Africa, Diritti Umani, Diversità
Tags: , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.