Diciotti, il Tribunale di Catania giudicherà gli atti firmati da Conte e Di Maio

13.02.2019 - Agenzia DIRE

Diciotti, il Tribunale di Catania giudicherà gli atti firmati da Conte e Di Maio
(Foto di agenzia Dire)

Maurizio Gasparri ha proposto ai membri di respingere la richiesta di autorizzazione a procedere avanzata nei confronti del Ministro dell’Interno Matteo Salvini.

 E’ iniziata alle 9 la riunione della Giunta per le immunità del Senato. All’ordine del giorno l’autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini per il caso Diciotti.  Il presidente per le Giunta per le autorizzazioni del Senato Maurizio Gasparri, nella qualità di relatore, ha proposto ai membri di respingere la richiesta di autorizzazione a procedere avanzata nei confronti del Ministro dell’Interno Matteo Salvini dal Tribunale di Catania per il caso Diciotti.

Le dichiarazioni firmate da Giuseppe Conte e dei ministri Di Maio e Toninelli allegate alla memoria difensiva di Matteo Salvini saranno inviate al tribunale di Catania, come chiesto dal senatore di Leu Pietro Grasso. La richiesta è stata accolta dal presidente Maurizio Gasparri mentre la riunione della giunta è ancora in corso.

Dichiarazioni governo a tribunale, giunta va avanti

L’invio al tribunale di Catania delle dichiarazioni di Conte, Di Maio e Toninelli allegate alla memoria difensiva di Matteo Salvini non rallenterà i lavori della Giunta per le autorizzazioni. E’ quanto spiegano sia il presidente Maurizio Gasparri (Fi) che il senatore Pietro Grasso (Leu). E’ stato proprio l’ex presidente del Senato a chiedere che le dichiarazioni aggiuntive fossero inviate ai magistrati.

“Non c’è nessun intervento che possa costituire una dilazione dei tempi della Giunta”, spiega Grasso. E Gasppari conferma: “La procura può fare quello che vuole, noi decideremo entro i termini che la legge costituzionale del 1989 prevede”. La settimana scorsa si era parlato di un voto in Giunta entro il 20 febbraio.

Diciotti. Paragone (M5s): su autorizzazione coinvolgere nostri iscritti

Sulla richiesta di processo a Salvini per il caso Diciotti penso che “la cosa migliore sia di coinvolgere i nostri iscritti con un referendum sulla piattaforma Rousseau”. Lo dice Gianluigi Paragone, senatore M5s, a ‘Circo Massimo’ di Radio Capital.

Alla domanda sei sia personalmente orientato a votare no all’autorizzazione Paragone risponde che al momento si deve aspettare che il Tribunale dei Ministri “prenda coscienza di una nuova notizia, ovvero quella relativa al fatto che il governo intero si è auto-incolpato per quella decisione. E’ venuto meno il principio per cui Salvini deve rispondere da solo. Anche noi del Movimento, nel nostro dibattito interno abbiamo capito che si rischia di esporre tutta la catena del governo, dirigenti, prefetture, questori”.

 

Categorie: Europa, Migranti, Politica
Tags: , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Giornata della Nonviolenza

Giornata della Nonviolenza

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.