Aumento del 40 % di episodi di discriminazione nei confronti di stranieri nel 2018

23.02.2019 - AMSI Associazione di Medici di Origine Straniera in Italia

Aumento del 40 % di episodi di discriminazione nei confronti di stranieri nel 2018
Questa la denuncia dell’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi) e le comunità del mondo arabo in Italia (Co-mai) con il Movimento “Uniti per Unire” e le circa 1000 associazioni e Comunità aderenti lanciano il loro grido d’allarme contro i ripetuti episodi di razzismo e discriminazione nei confronti di migranti e figli di immigrati sia a scuola che fuori .
Con grande preoccupazione registriamo presso lo sportello Amsi e Co-mai un aumento del 40% di  segnalazioni di episodi di discriminazione nei confronti dei professionisti ,migranti e loro figli nell’arco dell’ultimo anno del 2018 nell’ambito lavorativo, scolastico, universitario,  sanitario, nei trasporti, e nei posti pubblici anche dal punto di vista del colore della pelle o religione o il modo di vestirsi.
Esprimiamo solidarietà nei confronti di tutti i cittadini e alunni e ai loro  famigliari che hanno subito atti di razzismo.
Ribadiamo che l’Italia non è un paese razzista ma  siamo preoccupati per questo continuo aumento di segnalazioni di episodi di razzismo e discriminazioni nei confronti dei cittadini di origine straniera in Italia e per l’atmosfera mai vista in passato dal punto di vista dello scontro politico e la paura verso il diverso e proposte politiche discriminatorie nei confronti degli immigrati stessi .Così dichiara Foad Aodi medico Fondatore di  Amsi e Co-mai ,invitando tutte le forze politiche di unirsi contro il razzismo e di non amplificare messaggi poco educativi e che possono dare messaggi pericolosi e sbagliati ai giovani e non.
Noi abbiamo bisogna di una scuola che insegna e promuovi  la convivenza e la conoscenza culturale e dialogo e rispetto inter religioso e non dividere i bambini in categorie in base alla nazionalità,colore di belle o la religione ,abbiamo bisogno di una società senza crisi di identità e allarmismi e paura verso il diverso,abbiamo bisogna di musica e Festival di Sanremo aperto a tutti senza quote e divisioni tra musica italiana e straniera visto il suo valore universale come lo sport, l’arte,il calcio e la danza, abbiamo bisogna di una politica che sappia parlare a tutta la società italiana e non dividerla in italiani e stranieri  e non  avanzare proposte di legge con profumo di razzismo e discriminazione per fini politici elettorali ,Noi abbiamo bisogno di buona informazione e libertà di espressione dando comunicazioni giuste,verificate e educative. Noi abbiamo bisogno di combattere il razzismo con le proposte politiche, mediatiche e culturale  senza strumentalizzazioni politiche e no al #RazzismoalContrario e al vittimismo per ogni episodio che va prima verificato per non creare allarme razzismo sociale.
Infine Aodi si rivolge al mondo delle comunità e associazioni di origine straniera in Italia di  organizzarsi di più e intensificare la collaborazione con le istituzioni italiane e le forze politiche impegnandosi in politica e mettendosi in gioco pari ai candidati italiani  combattendo ogni forma di individualismo  che non aiuta nessuno e noi diciamo con fermezza no a partiti politici solo per cittadini stranieri o  religiose  o dividersi in continenti  a nome nostro perché crediamo che l’integrazione si fa in due e non aiuta  separarsi e chiudersi in partiti o comunità chiuse dando alibi a chi vuole alimentare paure e discriminazioni nei confronti di stranieri, africani, arabi, musulmani.
Categorie: Comunicati Stampa, Diversità, Europa
Tags: , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


video 10 anni Pressenza

Eventi 10 anni di Pressenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.