Migranti bambini nella carovana dei centroamericani che chiedono asilo

24.12.2018 - Redazione Italia

Migranti bambini nella carovana dei centroamericani che chiedono asilo
(Foto di La Repubblica)

Si stima che nel lungo “corteo” ci siano circa 7.000 persone. E’ la seconda marcia organizzata che si svolge nella regione del Chapas quest’anno. Le iniziative di Unicef e dell’Unhcr

Città del Messico – Si contano a migliaia i bambini migranti. Il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF) ha identificato più di 2.300 bambini come parte della carovana migrante, che ad oggi si trova in Messico dichiarandosi “molto preoccupato per la sicurezza e l’integrità dei minori”. In un’intervista con La Voz de América, il funzionario dell’UNICEF, Rocío Ortega, ha spiegato che molti dei bambini arrivati a Tapachula sono malati e richiedono un “aiuto immediato”. “Il sostegno umanitario è ciò che maggiormente spinge questi bambini a spostarsi: molti di loro rimangono nel Chiapas con i loro genitori in cerca di rifugio, ma molti altri continuano verso nord e avranno bisogno di sostegno durante il viaggio”, ha detto Ortega. Per appoggiarli, ha aggiunto, l’UNICEF sta coordinando con il governo messicano e la società civile aiuti straordinari perché “prima di migranti sono i bambini e i loro diritti devono essere rispettati a prescindere da dove vengono e dove vanno.”

Esposti a situazioni di vulnerabilità. Secondo l’ultimo report dell’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR), i bambini migranti possono trovarsi in situazione di maggiore vulnerabilità rispetto ai fenomeni di tratta e sfruttamento. Secondo UNHCR, che ha accompagnato la carovana si tratta di una situazione di “estrema urgenza”. Il portavoce dell’UNHCR a Ginevra, Adrian Edwards, ha riferito di aver spostato il personale e le risorse nella frontiera sud del Messico con la volontà di collaborare con le autorità messicane per garantire la tempestiva registrazione dei richiedenti asilo. “Ci preoccupano i rischi legati alla sicurezza e al sequestro di persona nelle zone in cui la carovana possibile avventurarsi. Stabilizzare la situazione è diventato urgente. È essenziale che ci sia un’adeguata accoglienza e altre condizioni per chi cerca asilo e per chi si muove “, ha affermato Edwards. L’UNHCR sta anche lavorando con i suoi partner in territori di confine in Guatemala e Honduras per garantire il rispetto dei diritti umani dei migranti, sia quelli che fuggono dai loro paesi, e chi decide di tornare.

Le richieste di asilo. Allo stesso modo, l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, ha avvertito i paesi impegnati lungo la via della carovana era di valutare adeguatamente ogni caso asilo prima di prendere una decisione sul ritorno o la deportazione, perché molte persone che ne fanno parte lei potrebbe essere in “pericolo reale” e hanno insistito nel ricordare l’adesione degli Stati Uniti alle norme del diritto internazionale sui rifugiati, riferendosi alle dichiarazioni aggressive di Donald Trump. Una testimonianza raccolta nel report dell’UNHCR è quella di Eduardo, 16 anni. Quando i membri di una banda criminale hanno bruciato la casa della sua famiglia in Honduras, ha deciso di andarsene. Dopo aver vissuto nel costante timore di essere ucciso o reclutato da bande nella sua città natale, Colon, lui e un gruppo di cugini si unirono alla “carovana”. Eduardo era nel gruppo di persone cui è stato permesso di entrare in Messico, dove hanno presentato la loro domanda di asilo.

Il futuro della carovana. La “carovana”, la cui dimensione è stata stimata in circa 7.000 persone, è la seconda marcia organizzata che si svolge nella regione quest’anno, dopo la prima dello scorso aprile. In Guatemala, l’UNHCR controlla il confine a Tecún Umán in quanto si prevede che ne arriveranno altre già a partire dall’inizio del 2019. L’UNHCR ha identificato anche alcuni casi di minori non accompagnati che hanno deciso di chiedere asilo in Guatemala. L’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati considera anche i rimpatri e le deportazioni dal Guatemala, per garantire che siano dati volontariamente e rispettino il principio fondamentale del “Non respingimento”.

Articolo originale di Virginia Negro e Luigi Achilli tratto da La Repubblica

Categorie: America Centrale, Diritti Umani, Opinioni
Tags: , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


video 10 anni Pressenza

Eventi 10 anni di Pressenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.