Germania, pace e disarmo nelle strade

09.11.2018 - Pressenza Berlin

Quest'articolo è disponibile anche in: Inglese, Spagnolo, Francese, Tedesco, Greco

Germania, pace e disarmo nelle strade

Durante le Giornate di protesta per la pace e il disarmo sono state realizzate azioni in una cinquantina di città tedesche e si sono raccolte migliaia di firme.

Le giornate di protesta dal 1° al 4 novembre 2018, organizzate dall’iniziativa nazionale “Disarmare invece di riarmare”, non sono ancora terminate. Alcune azioni in diverse città dureranno fino a sabato 10 novembre. In molti luoghi sono state attivamente appoggiate dai sindacati. L’iniziativa, caratterizzata da una collaborazione a livello nazionale, è stata sostenuta da due grandi reti del movimento pacifista, Cooperazione per la pace e il Comitato del Consiglio federale per la pace.

Le giornate di protesta si sono svolte quasi esattamente un anno dopo la creazione di questa iniziativa; sono state raccolte oltre 120.000 firme. Tra i primi firmatari c’erano quattro leader sindacali, i presidenti di importanti associazioni ambientaliste, scienziati, tra cui un Premio Nobel tedesco, leader della Chiesa, politici di vari partiti e attivisti per la pace. L’elenco dei primi firmatari è disponibile qui.

Possiamo già citare alcuni elementi di successo di questa azione:

Siamo intervenuti attivamente e con impegno nel dibattito sul bilancio del Parlamento tedesco, abbiamo detto no alla corsa agli armamenti, a un aumento folle delle spese militari, fino a 85 miliardi di euro. Solo tra il 2018 e il 2019, il bilancio della difesa dovrebbe aumentare dell’11,8%. Nessun’altra voce di bilancio ha un aumento simile.

In migliaia di dibattiti siamo stati in grado di evidenziare il legame tra armamenti e questioni sociali, abbiamo ripetutamente chiarito che ogni euro può essere speso una volta sola, o per le armi e la guerra o per i cittadini. Negli ultimi anni il movimento per la pace non aveva mai realizzato una simile iniziativa, coordinata a livello nazionale, dialogando con i cittadini del nostro paese.

In una cinquantina di località le azioni si sono svolte per strada. Si trattava spesso di banchetti informativi ben organizzati per raccogliere firme. Fino a 1.000 partecipanti hanno dimostrato le possibilità di azioni decentrate. La “questione della pace” e il disarmo erano presenti a livello pubblico.

In molti luoghi la raccolta di firme è stata combinata con raduni e manifestazioni. Nelle grandi città, diverse centinaia di persone hanno partecipato a questi eventi. Gli esponenti del movimento pacifista e dei sindacati hanno sostenuto la richiesta di disarmo.

La raccolta delle firme è stata accolta con grande partecipazione e sostegno della popolazione. Si sono aggiunte almeno 10.000 nuove firme.

Le giornate di protesta ci hanno portato a fare un grande passo avanti. Siamo stati in grado di conversare contemporaneamente con molte persone in molti luoghi e con una presenza attiva. Siamo stati in grado di fornire informazioni e chiarimenti approfonditi sui pericoli e sui costi dell’aggiornamento. Abbiamo anche dimostrato che in molte piccole città e villaggi sta succedendo qualcosa per la pace. Le azioni delle alleanze pacifiste locali sono state sostenute nelle strade e nelle piazze da persone provenienti da sindacati, associazioni ambientaliste e iniziative cristiane. Membri di vari partiti e movimenti politici erano presenti e hanno sostenuto attivamente le nostre proteste.

Per le azioni future abbiamo bisogno di molti più partecipanti e di una cooperazione ancora migliore. Pace, clima e tutela dell’ambiente vanno di pari passo. Il disarmo libera risorse per finanziare il Fondo internazionale per il clima. Chiedendo la fine delle esportazioni di armi e delle guerre, facciamo sì che sia discusso come si spendono le risorse economiche. Ogni euro può essere speso una sola volta per l’istruzione, le scuole, la scienza, la sanità e l’assistenza sanitaria o per le armi e la guerra. Abbiamo bisogno di una nuova politica di distensione in Europa e anche con la Russia. Queste posizioni comuni sono condivise da molti milioni di persone. Costruiamo su questa base e spostiamo nei prossimi anni attività di strada ancora più attive nello spazio pubblico. Approfittiamo delle esperienze positive delle giornate di protesta per azioni più ampie e più centralizzate.

Traduzione di Annalaura Erroi

Video contro la guerra: Rappresentazione dell’Attacco con i Droni durante la giornata “Disarmare invece di aggiornare” del 3.11.2018.

Foto di Reto Thumiger

 

 

Categorie: Europa, Pace e Disarmo
Tags: , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.