Forum Madrid, Pressenza: cittadini che raccontano i movimenti sociali

06.11.2018 - Madrid - Natale Salvo

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo, Francese

Forum Madrid, Pressenza: cittadini che raccontano i movimenti sociali

«L’informazione è un bene sociale; ma non può esistere obiettivitá nell’informazione. Chi scrive ha un proprio interesse e si vede in ciò che scrive» (o che non scrive). A sostenerlo Tony Robison, codirettore di Pressenza, membro del Partito Umanista Internazionale e di Mondo senza Guerre e senza Violenza, nel proprio intervento al secondo Forum mondiale sulla violenza urbana in corso a Madrid.

Il tema dell’incontro era “il giornalismo come soggetto attivo per la costruzione di una cultura di pace e nonviolenza”. Robinson ha denunciato la «struttura sistemica di oppressione» oggi esistente e che, quindi, «la nostra azione non è rappresentata solo dall’informazione ma anche quella di stare coi movimenti sociali, nelle strade, per raccogliere, raccontare, promuovere le diverse cose buone che si svolgono nel mondo», iniziative positive ma anche manifestazioni di dissenso dal potere.

L’obiettivo che l’agenzia internazionale d’informazione Pressenza, pertanto, si pone come prioritaria è quella di «creare una rete tra le differenti attivitá», ha concluso Robinson.

Nell’incontro è stato toccato anche il tema del corretto linguaggio del giornalista. Una partecipante ha sottolineato l’uso corrente di parole a connotazione positiva che nascondono gesti terribili: il chiamare, ad esempio, “little boy” la bomba lanciata su Hiroshima. Io avrei aggiunto un altro esempio: il definire “neutralizzazione” l’assassinio proditorio di un presunto terrorista. Un altro partecipante all’incontro ha sottolieato il pericolo rappresentato dalla circolazione, che si propagano sui social network, delle “fake-news” (rumor) proponendo un «controllo della qualitá dell’informazione». Controllo, che, tuttavia, se posto in mano al governo – ha suggerito un altro partecipante all’incontro – potrebbe trasformarsi in una forma di censura.

L’incontro si è chiuso con l’invito ad alcune “call to action” tra le quali quella di offrirsi volontari per entrare a far parte della famiglia di corrispondenti di Pressenza della propria cittá.

Categorie: Cultura e Media, Europa
Tags: ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 13.11.19

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.