Il governo del Madagascar sospende le attività di un’impresa mineraria cinese

06.06.2018 - Riccardo Noury

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo

Il governo del Madagascar sospende le attività di un’impresa mineraria cinese

La denuncia pubblicata da Amnesty International il 28 marzo era stata netta: le attività dell’impresa mineraria cinese Haiyu rischiavano di far sprofondare nell’Oceano Indiano l’intero villaggio di Nagonha, sulla costa orientale del Madagascar, abitato da oltre 1.000 persone.

Già nel 2015 un’inondazione aveva distrutto 48 abitazioni e lasciato senza tetto 290 abitanti.

Il 30 maggio il governo malgascio ha deciso di sospendere le attività della Haiyu.

Si tratta di un passo avanti importante in favore dei diritti della popolazione locale e contro un’impresa irresponsabile che non aveva mai svolto un’analisi dell’impatto ambientale delle sue attività, né aveva – come invece prevede il diritto internazionale – consultato le comunità interessate.

 

 

Categorie: Africa, Asia, Diritti Umani, Ecologia ed Ambiente
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 18.02.20

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

Chiudiamo le pagine di chi spegne i sorrisi

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.