28 maggio. La strage di Piazza della Loggia (1974) e l’assassinio di Walter Tobagi (1980). Senza memoria e verità non c’è futuro

28.05.2018 - Articolo 21

28 maggio. La strage di Piazza della Loggia (1974) e l’assassinio di Walter Tobagi (1980). Senza memoria e verità non c’è futuro
(Foto di Art. 21)

La verità sulle stragi. Sul terrorismo. Nero e rosso. Sui segreti italiani. Sui servizi segreti nazionali ed internazionali. Sulle organizzazioni criminali. I nomi e i cognomi dei responsabili. Gli esecutori materiali. Gli ispiratori e i mandanti. I complici e i conniventi. I depistatori. Gli omertosi. Fuori e dentro le istituzioni…

Di questi temi, dei tanti segreti italiani che hanno sfigurato la nostra democrazia, nella campagna elettorale che ha preceduto le elezioni del 4 marzo non c’è traccia. E men che mai – possiamo scommetterci – ce ne sarà nella imminente nuova contesa per il governo.

Segreti, non misteri, come giustamente ci ha sempre ripetuto Paolo Bolognesi, presidente dell’associazione che riunisce le vittime della strage di Bologna dell’80. I misteri sono quelli della fede, o che attengono al paranormale, alla parapsicologia. I segreti sono le tante pagine chiuse nei cassetti di armadi con le ante rivolte verso il muro che nessuno vuole voltare e aprire. Bologna, Ustica, Piazza Fontana, Piazza della Loggia… Falcone e Borsellino, Impastato, Moro, Tobagi… Solo per citarne alcuni.

Dal diario italiano dei segreti oggi vogliamo estrapolare due tristi e vergognose ricorrenze: la strage di Piazza della Loggia (28 maggio 1974) e l’assassinio del giornalista Walter Tobagi (28 maggio 1980).

Due delle tante pagine disonorevoli per un paese che si vuole chiamare civile e di cui non si è mai fatta piena luce.

“La gente non si ricorda” scrive Benedetta Tobagi figlia di Walter. “Oppure, se delle stragi una memoria resta, è qualcosa di distante, un soprammobile ingombrante e polveroso in un mausoleo. Qualcosa che non c’entra con il mondo che abitiamo, astratto e muto agli occhi di chi lo sfiora, si commuove o s’indigna un momento e poi, distratto, passa oltre”.

Se non ripuliamo la nostra storia delle tante fetide macchie e non dipaniamo la fitta nebbia che offusca la verità qualsiasi futuro sarà ineluttabilmente ottenebrato e compromesso.

Categorie: Comunicati Stampa, Cultura e Media, Europa
Tags: , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.