Usa, rilasciati dopo 32 giorni padre e figlia in fuga dal Guatemala

25.03.2018 - Riccardo Noury

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo

Usa, rilasciati dopo 32 giorni padre e figlia in fuga dal Guatemala
(Foto di Amnesty International)

Astrid e Arturo sono due nativi K’iche del Guatemala. Lei ha 15 anni, lui è suo padre. Nel 2015 sono fuggiti dalla violenza istituzionalizzata e dalla discriminazione dominanti nel loro paese. Hanno attraversato il Messico e, una volta superata la frontiera degli Usa, sono stati trattenuti per 24 ore e poi rilasciati con un foglio su cui c’era scritto che dovevano presentarsi alle autorità per l’immigrazione (senza indicare né luogo né data…).

Per tre anni hanno vissuto una vita ordinaria, all’interno della comunità di esuli guatemaltechi. Arturo ha trovato un lavoro, Astrid si è iscritta a una scuola.

Poi, il 20 febbraio di quest’anno, l’arresto nel cuore della notte. Astrid e Arturo hanno trascorso 32 giorni nel “centro residenziale” della contea di Berks, in Pennsylvania, fino a quando il 24 marzo, dopo che quasi 80.000 attivisti di Amnesty International si erano mobilitati in loro favore, l’Ufficio per l’immigrazione e le dogane ha disposto il loro rilascio.

Astrid ora può tornare a scuola e organizzare, sebbene in ritardo (i 15 anni li ha compiuti il 15 marzo), la grande festa della “quinceañera”. Arturo continua ad attendere che la loro domanda d’asilo sia esaminata.

 

Categorie: America Centrale, Diritti Umani, Nord America
Tags: , , , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.