“Potere al popolo”: idee chiare e rivoluzionarie contro la mafia

11.02.2018 - Carmelo Musumeci

“Potere al popolo”: idee chiare e rivoluzionarie contro la mafia
(Foto di pixabay.com)

Devi sapere che il carcere è una creatura mostruosa di ferro e cemento. Ed è la creatura più mostruosa e criminale di qualsiasi altro mostro, perché non ha nessuna compassione, nessuna pietà e misericordia. Forse, però, è anche il mostro più infelice e disperato che io conosca. Forse anche lui è una vittima di sé stesso e dei suoi governanti.

(Da “La Belva della cella 154”, ultimo libro di Carmelo Musumeci, distribuito da Amazon)

Molte persone, non tutte in buonafede, si sono scandalizzate che il movimento politico “Potere al popolo” abbia inserito l’abolizione dell’ergastolo e del regime di tortura del 41 bis nel programma elettorale sulla giustizia. Molti hanno persino dichiarato che è un suicidio politico. Io, invece, la penso diversamente. Forse perché in tanti anni di carcere ho capito che la mafia che comanda si sconfigge dando speranza e affetto sociale ai suoi gregari, facendoli così cambiare culturalmente e uscire dalle organizzazioni criminali. Sì, è vero, molti ergastolani non sono dei santi e se stanno dentro è perché hanno commesso gravi reati. Questo lo sanno anche loro, ma non sono più gli uomini del reato di 20 o 30 anni prima, non sono più i giovani di allora. Ormai sono uomini adulti, o anziani, che non hanno alcuna prospettiva reale di uscire dal carcere, se non da morti. Molti di loro sono stati condannati alla pena dell’ergastolo per reati commessi a 18/20anni, appena maggiorenni, e, per quante ne possano aver fatte, non potevano certo essere i boss della mafia che ha distrutto l’Italia. Sono stati, al massimo, manovalanza a servizio della mafia. Ora sono persone che sanno di aver fatto errori, anche grossi, che stanno pagando e l’unica cosa che chiedono è una data certa del loro fine pena.

Non dimentichiamo inoltre che il dramma dell’ergastolo si ripercuote non solo su chi lo sconta, ma anche su tutta la sua famiglia. In tanti anni di carcere, parlando e vivendo con loro, ho capito che la mafia non si sconfigge solo per strada, ma soprattutto nei palazzi del potere e questo potrà accadere quando gli elettori voteranno a sinistra, a sinistra della sinistra. Penso anche che, purtroppo, nella nostra amata Sicilia tutto cambia per non cambiare nulla e, senza generalizzare, credo pure che in alcuni casi la mafia si è trasformata in antimafia. Molti forse non sanno, o fanno finta di non sapere, che persino Giuseppe Garibaldi nello sbarco dei mille in Sicilia ha dovuto scendere a compromessi con i poteri mafiosi di allora, per non parlare degli americani che nella seconda guerra mondiale sono sbarcati in Sicilia per aver fatto la stessa cosa. E anche durante la guerra fredda la Sicilia è sempre stata un serbatoio di voti dei partiti che hanno governato l’Italia, perché da sempre chi vince le elezioni in Sicilia (considerando l’alto numero dei seggi) governa l’Italia.

Si fa finta di non sapere che la mafia è un potere borghese, economico e politico, non certo un potere dal basso ma dall’alto, e ordina e fa sempre votare solo i partiti che possono andare al governo.

Il movimento politico “Potere al popolo” ha capito più di tutti che per sconfiggere questo fenomeno criminale bisogna prima liberarsi della mafia mediatica, politica, religiosa, finanziaria. E poi saremo liberi dalla mafia che spara e dai “picciotti” che si fanno usare come carne da cannone dal potere.

A mio parere i mandanti mafiosi non sono solo criminali, sono molto di più: sono criminali disonesti, cattivi e malvagi, perché usano la legge, il potere, la cultura e il “bene” per fare il male. E di questi mafiosi “perbene”, credetemi, non ne ho mai trovato uno in carcere, in più di un quarto di secolo.

La vera mafia è molto diversa da come viene descritta nei salotti televisivi.

Provo rabbia quando sento certe dichiarazioni sulla criminalità organizzata di alcuni politici allo sbaraglio. Non si rendono conto, infatti, che un certo tipo di antimafia produce solo altra mafia, perché la devianza e la criminalità si sconfiggono soprattutto culturalmente. Sia il centrosinistra che il centrodestra sono d’accordo solo su una cosa: riempire le carceri come delle scatole di sardine e usare l’emergenza mafia per continuare a prendere voti, e così continuare a produrre mafiosi…

In carcere quello che manca più di tutto è proprio la speranza di riavere affetto sociale. Solo questo può sconfiggere la mafia e creare sicurezza. I padri della nostra Costituzione lo sapevano bene- forse perché alcuni di loro in carcere hanno trascorso tanti anni- se hanno stabilito che la pena deve avere solo una funzione rieducativa.

Infine, ricordo che nella Francia della rivoluzione l’orrore per la pena dell’ergastolo fu così tanto che l’Assemblea Costituente, mentre mantenne la pena capitale, vietò le pene perpetue: fu così che nel codice penale del 28 settembre 1791 la pena più grave dopo la condanna a morte era di ventiquattro anni di carcere.

Categorie: Europa, Opinioni, Politica
Tags: , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Forum Umanista Europeo 2018

Diritti all'informAZIONE

Video presentation: What Pressenza is...

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Stop Fiscal Compact: firma la petizione!

Stop Fiscal Compact: firma la petizione!

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.