Afrin / Siria del Nord: l’esercito turco prende di mira anche obiettivi civili

12.02.2018 - Associazione per i Popoli Minacciati

Afrin / Siria del Nord: l’esercito turco prende di mira anche obiettivi civili
(Foto di APM)

Dopo 23 giorni di aggressione militare turca nel Nord della Siria, sono 160 i civili uccisi, di cui 43 tra donne e bambini.

A 23 giorni dall’inizio dell’attacco militare turco alla regione di Afrin nel Nord della Siria, il bilancio è drammatico. Secondo quanto appurato da Kamal Sido, referente per il Medio Oriente dell’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) e costantemente in contatto con persone della regione, l’aggressione turca portata avanti con bombardamenti aerei, artiglieria pesante e lanciamissili ha causato finora almeno 160 vittime civili, tra cui 26 bambini e 17 donne. 395 civili sono rimasti feriti e circa 60.000 persone sono state costrette a fuggire dai propri villaggi e a cercare rifugio nella ormai sovraffollata capitale regionale Afrin. Complessivamente 60 villaggi sono stati parzialmente o del tutto distrutti, l’esercito turco e i suoi alleati hanno arrestato e torturato i pochi uomini e le poche donne anziane che non erano riuscite a fuggire. Molti degli arrestati sono stati costretti a lodare davanti alle telecamere accese l’esercito turco e le milizie islamiche alleate.

Nel frattempo gli aerei da combattimento turchi hanno ininterrottamente attaccato anche obiettivi civili come la centrale dell’acqua potabile “Matina” nel nord di Afrin. La fornitura di acqua è stata interrotta diverse volte per più giorni lasciando circa 300.000 persone senza acqua potabile. I bombardamenti stanno minacciando tutta la rete idrica della città di Afrin e si teme che il danneggiamento della rete di acque nere possa aver provocato la contaminazione dell’acqua potabile e causare quindi malattie e epidemie tra la popolazione. I missili inoltre continuano a cadere nelle immediate vicinanze dell’unica diga che fornisce acqua alla città di Afrin e si teme che la diga possa essere distrutta.

Danni gravissimi si registrano per l’agricoltura e di conseguenza per l’approvvigionamento alimentare della popolazione, per tutte le infrastrutture civili e per il patrimonio archeologico di Afrin. Con il pretesto di voler distruggere possibili nascondigli dei combattenti delle unità kurde di auto-difesa YPG sono state date alle fiamme molte fattorie di agricoltori kurdi, piantagioni di olivi e di alberi da frutta e gli aggressori hanno distrutto e/o rubato macchinari agricoli, silos pieni del raccolto di cereali e contenitori per l’olio di oliva. Le unità di auto-difesa YPG proteggono la regione dal 2012 dagli attacchi dei gruppi radical-islamici come l’IS. Inoltre sono state completamente distrutti molti edifici scolastici lasciando circa 50.000 bambini e ragazzi senza la possibilità di andare a scuola.

L’aggressione militare turca e delle milizie islamiche alleate tenta di cancellare anche la cultura e la millenaria storia del paese. E’ stata infatti distrutta buona parte del tempio di Ain Dara, antico di 3.000 anni e risalente al periodo tardo Ittita. Completamente distrutta è andata anche la cittadella di Hori con il suo antico teatro.

Categorie: Comunicati Stampa, Medio Oriente, Pace e Disarmo
Tags: , , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Diritti all'informAZIONE

Video presentation: What Pressenza is...

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.