Mobilità sostenibile nel Luinese: un’esperienza unica in Italia con Equostop

12.09.2017 - Redazione Italia

Mobilità sostenibile nel Luinese: un’esperienza unica in Italia con Equostop

Equostop è la fiducia nelle relazioni senza orario e tempi incerti di attesa. Relazioni che sono progetto: uscire di casa e muoversi con la volontà di coinvolgere e farsi coinvolgere da un mondo possibile presente nella nostra quotidianità.

Sempre più i problemi dei cambiamenti climatici stanno interrogando il nostro vivere quotidiano: l’uomo, con il suo stile di vita, ha creato condizioni tali da determinare una crisi ambientale di proporzioni catastrofiche.

I governi stanno reagendo alle sollecitazioni degli scienziati con accordi a livello mondiale per tentare di evitare la catastrofe. L’accordo “storico” siglato a Parigi a dicembre del 2015 in seno alla Conferenza Mondiale per i Cambiamenti Climatici (COP21) prevede un impegno a limitare il riscaldamento “ben al di sotto dei 2 °C” dai livelli preindustriali con la volontà di contenerlo entro 1,5 °C.

Noi pensiamo che il contrasto ai cambiamenti climatici possa avvenire solamente se agli impegni dei governi uniamo il cambiamento dei nostri stili di vita. Partendo da questo principio TERREdiLAGO e GIM (Gruppo Impegno Missionario) di Germignaga, insieme ad altre cinquanta associazioni, hanno organizzato a Germignaga il 29 novembre 2015 la Marcia Globale per il Clima, un grande evento a cui hanno partecipato circa 3.500 persone per dire che contro i cambiamenti climatici si può fare qualcosa. Da questo evento è nato un impegno a promuovere progetti per combattere i cambiamenti climatici partendo dal basso e creando reti tra le associazioni che condividono l’attenzione alla salvaguardia del creato.

I nostri stili di vita e consumo hanno un impatto notevole sull’ambiente e sulle persone. E’ fondamentale imparare a modificare i nostri comportamenti in questo periodo di transizione tra l’era del carbone e l’era delle rinnovabili affinché questa transizione non sia gestita ancora una volta dalla logica del profitto a ogni costo, ma sia improntata a un’economia basata sulle relazioni, sulla condivisione, sulla partecipazione e sulla solidarietà.

Su queste basi è partito all’inizio del 2016 il progetto Equostop, che si propone di affrontare il problema della mobilità, seconda principale causa di emissione di CO2 nell’atmosfera, partendo da una considerazione semplicissima: le nostre strade sono percorse ogni giorno da migliaia di automobili che trasportano poco più di una persona, inquinano tantissimo, occupano spazio, costano e spesso ci fanno pure perdere tempo in code estenuanti o nella ricerca di un parcheggio. Basterebbe trovare un sistema per poter salire su questo treno quasi vuoto che ogni giorno percorre le nostre strade e avremmo risolto o perlomeno ridotto il problema.

Una volta si usava l’autostop ma oggi, in una società individualista, diffidente e poco propensa all’incontro, non è più una soluzione praticabile. Equostop propone una soluzione nuova: vogliamo mettere in connessione una comunità di persone che hanno capito che il problema dell’ambiente riguarda tutti noi, nessuno escluso. Equostop è un mezzo che pone le condizioni per migliorare la relazione tra persone che non si conoscono, applicando l’economia della condivisione (la “sharing economy”) di beni che quasi tutti noi abbiamo: l’auto e le tecnologie digitali disponibili sui nostri cellulari.

Come funziona Equostop? Essenzialmente le associazioni che hanno partecipato alla Marcia Globale per il Clima stanno man mano aderendo alla “Carta dei principi sulla mobilità sostenibile”; fatto questo ciascuna associazione potrà dare ai propri associati la “equocard”, che servirà sia per chiedere un passaggio (mostrandola al bordo della strada come si faceva con il dito dell’autostop) che per dare un passaggio esponendola all’interno della proprio autovettura. Quando vedremo una persona che sul bordo della strada espone la “card” di Equostop significa: sono un volontario di un’associazione del territorio, ho bisogno di un passaggio e sono disposto a contribuire in modo volontario alle spese di trasporto.

L’appartenenza ad associazioni no profit con scopi sociali funge da garanzia della sicurezza e affidabilità di trasportatori e trasportati.

Con questo semplice gesto di chiedere o dare un passaggio si ottengono enormi benefici: si migliora l’ambiente riducendo il numero di auto in circolazione e quindi le emissioni di CO2, si creano proficue relazione tra le persone riducendo le spese di trasporto e creando un momento piacevole di socialità e solidarietà con trasportatori e trasportati garantiti dalle associazioni.

A tutto questo possiamo unire, tramite una convenzione in corso di stipula, anche i vantaggi di un’app scaricabile sui nostri cellulari. La app ci consente di calcolare i kilometri percorsi con Equostop, trasformandoli in kg di CO2 non emessa in atmosfera con un intelligente sistema di “punti NO CO2”, di informare gli altri equostoppisti che stiamo chiedendo un passaggio in un ben determinato punto della nostra zona e di rendere quindi tracciabile il nostro passaggio,

Abbiamo quindi realizzato un innovativo sistema di “car pooling istantaneo” che rende il progetto ancora più efficiente e attraente.

I fondamenti di Equostop sono il senso di appartenenza a una comunità sensibile ai problemi dell’ambiente e aperta all’incontro e alla relazione con l’altro e un enorme lavoro di crescita democratica per trasformare tutti noi in consumatori consapevoli e responsabili degli effetti che i nostri stili di vita hanno sull’ambiente e sulle altre persone;  tutto questo non lo faranno mai società private che, pur nella validità dei progetti imprenditoriali, possano promuovere progetti nel settore della mobilità sostenibile.

Per tutti questi motivi le Amministrazioni Comunali dovrebbero farsi promotrici insieme alle associazioni di Equostop, vedendolo come una forma accessibile e distribuita di mobilità nel territorio, patrocinandolo nel proprio Comune, identificando dei “punti di relazione”, dove attraverso appositi cartelli si segnala una zona idonea a chiedere un passaggio (ad esempio vicino alle pensiline degli autobus che ormai diventano sempre più rari), promuovendo incentivi che premino la raccolta di “punti di NO CO2” da parte dei cittadini, diventando così dei Comuni virtuosi anche nel complesso tema della mobilità sostenibile.

I volontari di GIM\TERREdiLAGO

info@terredilago.it

http://www.terredilago.it/

 

 

 

Categorie: Ecologia ed Ambiente, Europa, Opinioni
Tags: , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Diritti all'informAZIONE

Video presentation: What Pressenza is...

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.