Denunciamo la subalternità italiana alla Francia

26.09.2017 - PresidioEuropa No TAV

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo

Denunciamo la subalternità italiana alla Francia

MEMO per il vertice Francia Italia del 27 settembre 2017 a Lione

Nel corso dell’AlterVertice No TAV Torino-Lione del 16 settembre 2017 (*) è stato denunciato l‘Accordo di Roma del 30 gennaio 2012 che ha previsto l’iniqua ripartizione dei costi del progetto del tunnel transfrontaliero di 57 km tra Italia e Francia del costo di €8,6 miliardi.

Il costo totale è infatti posto in gran parte a carico del Bilancio italiano.

Al netto del contributo europeo del 40% le quote nazionali valgono €5,16 miliardi. L’Italia dovrebbe pagare il 58% di questa fattura.

E, data la prevalente collocazione del tunnel nel territorio francese (45 km contro i 12 italiani), ogni chilometro italiano del tunnel costerebbe €245 milioni, mentre ogni chilometro francese solo €48 milioni.

Di questo fatto, noto e denunciato dal Movimento NO TAV, il Governo italiano e il Parlamento italiano, che ha ratificato gli Accordi con la Francia (2001, 2012, 2015), non si sono mai preoccupati e hanno accettato di pagare la maggior parte della fattura, soggiacendo all’imposizione francese, seppure altri dichiarano che è l’Italia che ha sollecitato l’iniqua ripartizione.

Ovviamente il Governo francese, pur lamentando pubblicamente da anni l’insostenibilità del progetto per le sue casse, ha accettato al volo questo vantaggio.

Questo fatto è da stigmatizzare con forza perché la Francia, che ha lanciato la Pausa sulla Torino-Lione, afferma in questi giorni di non avere fondi sufficienti per realizzare il tunnel di base di 57 km fortemente finanziato dall’Italia.

Sosteniamo la pausa francese e vorremmo dare una mano al Presidente Emmanuel Macron e alla sua Ministra Elisabeth Borne: riequilibrando la ripartizione dei costi, in stile condominiale, la fattura in capo alla Francia per questo inutile progetto dovrebbe essere di €4,06 miliardi e non di €2,17 miliardi: un costo supplementare di 1,89 miliardi riequilibrerà i rapporti economici tra Francia e Italia e allo stesso tempo dovrebbe convincere la Francia, spaventata di dover pagare € 4,06 miliardi(+ 87% sul costo precedente), ad archiviare il progetto.

MEMO –> Riteniamo che il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni e il ministro delle Infrastrutture e Trasporti Graziano Delrio abbiano il dovere di denunciare la subalternità dell’Italia alla Francia nel corso del 34° Vertice intergovernativo Italia-Francia che avrà luogo il 27 settembre a Lione.

Crediamo che questo sia il momento giusto per allertare nuovamente l’opinione pubblica di questa realtà francese “pseudo colonialista” che si aggiunge ad un ricco contenzioso tra l’Italia e la Francia: la Libia, i migranti, il cantiere STX, Vivendi/TIM, il controllo francese su molte realtà industriali e finanziarie italiane, ecc.

NOTA: qui gli accordi della Torino-Lione http://www.presidioeuropa.net/blog/?p=983

(*) http://www.presidioeuropa.net/blog/alter-vertice-no-tav-venaus/

 Media Kit http://www.presidioeuropa.net/blog/media-kit-altervertice-tav-torino-lione-16-9-2017/

Categorie: Comunicati Stampa, Ecologia ed Ambiente, Politica
Tags: , , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


App Pressenza

App Pressenza

Diritti all'informAZIONE

Video presentation: What Pressenza is...

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.