L’Ue si dà norme più rigide contro il commercio di strumenti di tortura

04.10.2016 - Riccardo Noury

L’Ue si dà norme più rigide contro il commercio di strumenti di tortura

 

Con una maggioranza schiacciante, il 4 ottobre il parlamento europeo ha approvato una serie di modifiche al regolamento (EC) 1236/2005 riguardante la  vendita, l’intermediazione e la promozione di  strumenti realizzati appositamente per torturare o che, a seconda del destinatario, potrebbero essere usati per torturare.

La campagna promossa 10 anni fa da Amnesty International e Omega Research Foundation ha dunque raggiunto il suo obiettivo: chiudere le falle di un regolamento diventato presto vecchio e che in particolare disciplinava poco e male gli aspetti pubblicitari e quelli delle vendita online.

Finora, se era vietato l’import-export di strumenti di tortura, era risultato assai semplice per aziende con sede nell’Unione europea o che commerciano all’interno dell’Unione europea pubblicizzare on line strumenti atti a torturare e persino pubblicizzarli ed esporli in occasione di fiere ed esibizioni.

Per i produttori di manette da pollice, bastoni acuminati, manette elettrificate o strumenti di contenzione degli arti inferiori la pacchia dovrebbe essere finita.

Categorie: Diritti Umani, Europa, Politica
Tags: , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

 

Solidarietà ai tempi del Coronavirus

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.