Il Congresso IPB di Berlino apre i lavori

30.09.2016 - Matilde Mirabella - Anna Polo

Quest'articolo è disponibile anche in: Inglese, Francese, Tedesco, Greco

Il Congresso IPB di Berlino apre i lavori
Samir Amin (Foto di Dario Lo Scalzo)

Il Congresso si è  aperto, dopo un intermezzo musicale, con il benvenuto dato da Ingeborg Breines, co-presidente di IPB insieme a Reiner Braun, agli oltre mille iscritti. “Siamo qui per capire, collaborare in amicizia e presentare alternative alla guerra e alle armi”, ha affermato Breines. Ha aggiunto: “Pensare che l’ingiustizia possa essere risolta con mezzi militari è un’ingenuità’”. Ha quindi ricordato Gorbacev e il suo riconoscimento al Movimento per la Pace, senza la cui forza non sarebbe riuscito a porre fine alla Guerra Fredda.

Sono seguiti i saluti e gli interventi da parte delle istituzioni presenti: il Presidente dell’Università Tecnica di Berlino, il Senatore delle Finanze di Berlino e la rappresentante del Governo Federale sui temi del disarmo e del controllo delle armi, il cui discorso non era scevro da una certa ipocrisia.

Il Nunzio apostolico della Santa Sede a Berlino ha portato il saluto e l’incoraggiamento di Papa Francesco; quindi, dopo la trasmissione del video della Conferenza del network australiano per la pace, si è passati ai discorsi di apertura.

L’unico intervento che si è distinto da una lunga serie di discorsi piuttosto opachi e ha suscitato calorosi applausi è stato l’ultimo, da parte di Samir Amin, economista e direttore del Terzo Forum Mondiale. Amin ha denunciato senza mezzi termini il fatto che, secondo i dati del SIPRI, oltre il 75% della spesa militare mondiale è sostenuto dall’Occidente insieme al Giappone, smentendo la frase di Ban Ki Moon ripetuta spesso nel corso del congresso: non è il mondo ad essere super-armato, ma l’Occidente. “Se non smantelliamo la NATO, tutto il resto sono chiacchiere”, ha affermato con forza. Ha aggiunto che “garantire salute, educazione e un lavoro degno va in direzione opposta alle politiche neoliberiste”, che quindi vanno radicalmente messe in discussione.

I lavori del Congresso riprendono la mattina di sabato 1° ottobre con numerosi workshop e conferenze che proseguiranno per tutto il giorno. Alle 19, nella piazza antistante l’università, verrà composto il simbolo della pace, che si trasformerà poi nel simbolo della nonviolenza.

Categorie: Europa, Pace e Disarmo
Tags:

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 18.11.19

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.