La Palestina potrà risorgere grazie al frutto della sua terra

24.08.2016 - Antonietta Chiodo

La Palestina potrà risorgere grazie al frutto della sua terra
(Foto di Libero tv)

Patrizia Cecconi dedica il suo lavoro alla denuncia delle violazioni dei diritti umani e alla natura, ma la maggior parte del suo interesse è diretto verso il popolo palestinese. Può vantare all’attivo numerose pubblicazioni su testate giornalistiche nazionali di rilevante importanza e libri di cui è autrice e/o curatrice. Come presidente dell’associazione Oltre il Mare onlus, la sua attenzione è diretta alla realizzazione di un progetto portato avanti a livello personale, del quale oggi ci illustrerà le possibilità future. Il progetto è quello di valorizzare un angolo desertificato della terra di Palestina, dal nome di Ibnatu Canaan, e vanta il raggiungimento del primo importante obiettivo: grazie a una campagna di crowdfunding, è riuscito a raccogliere ben 3.090 euro per installare la prima cisterna e creare così ulteriori miglioramenti per questo territorio. Questo progetto, e ovviamente i suoi sostenitori, è riuscito a dare un senso alla parola pace, in un territorio arido come quello della zona della Jordan Valley, e a creare un’oasi con piante che rappresentano la storia del territorio di Palestina – una storia antica – attraverso fiori, foglie e poesie che in passato sono state dedicate a questi da antichi artisti arabi. Sembrava inizialmente l’utopica idea di pazzi sognatori, quella di creare un’oasi, come lo è il senso che molti di noi danno alla riconciliazione ed alla giustizia, ma stanno dimostrando al mondo intero che è possibile, attraverso la costanza e la determinazione, realizzare un’idea difficile ma non impossibile.

Quali sono stati i principali obiettivi del vostro progetto e quali avete raggiunto sino ad oggi?
Partendo da una situazione di furto generalizzato dell’acqua che ha desertificato o reso difficilmente coltivabili molte terre palestinesi, ti rispondo che il nostro obiettivo è quello di restituire un pezzettino dell’antica bellezza naturale a un angolo di terra nella valle del Giordano, che vorremmo diventasse un’oasi polifunzionale. Vogliamo dare un esempio di forza, oltre a una valenza politica e culturale, e ovviamente estetica. Fino ad ora abbiamo raccolto molti consensi, molte congratulazioni e soprattutto auguri per questa impresa all’apparenza impossibile. Abbiamo inoltre raccolto, attraverso una piattaforma di crowdfunding, quanto basta per collocare una cisterna, e stiamo andando avanti ancora qualche giorno con la raccolta per poter costruire la struttura dei nostri laboratori tecnici e artistici. Per conoscere meglio il nostro progetto basta andare su www.eppela.com/it/projects/9651-ibnatu-canaan-un-oasi-per-cominciare

Quali sono le difficoltà che avete riscontrato a livello pratico e burocratico?
A livello pratico è stata una dura lotta per le condizioni oggettive del luogo: il caldo terribile, la desolazione di un luogo che un tempo era un bananeto e che oggi è privo di foglie, i rapporti con i pastori beduini che dovevano imparare a fidarsi di noi e poi l’attenzione a un incontro culturale – in senso antropologico – che non fosse né di sopraffazione né di sottomissione. Dal punto di vista burocratico il mio socio, cioè il “padre” di Ibnatu Canaan, nome del progetto e della terra, ha avuto serie difficoltà per l’acquisto del fondo, dovute al fatto che lo stato (fantasma) di Palestina è diviso nelle aree A, B e C. Altrettanto difficile sarà l’ottenimento delle varie autorizzazioni. Ma noi abbiamo un’idea precisa in testa e sappiamo che ce la faremo.

Come attivista e donna europea quali sono le tue conclusioni sulla gestione delle risorse in Palestina?
Sono un’osservatrice e un’attivista per i diritti umani che in particolare si occupa di Palestina da molti anni. Osservo, scrivo e racconto. Le mie conclusioni sulla gestione delle risorse non sono diverse da quelle che la semplice osservazione dei fatti mostra a qualunque osservatore onesto, non ipnotizzato dalla narrazione sionista: Israele si è appropriato, e seguita ad impadronirsi o cerca di farlo quotidianamente, di tutto quello che la Palestina ha di positivo, a partire dalle risorse turistiche legate ai siti archeologici per arrivare all’acqua, nonché alle riserve di gas naturale che si trovano al largo della Striscia di Gaza. Riserve che, non a caso, non rende disponibili ai legittimi proprietari, i palestinesi, mentre le istituzioni internazionali continuano a essere assenteiste sia da un punto di vista pratico che burocratico. Se i governi occidentali seguiteranno a sostenere il progetto israeliano già delineato prima del ’48 come “Piano Dalet”, alle istituzioni palestinesi resterà soltanto l’appalto di poche risorse che Israele gli lascerà gestire e niente di più.

Da dove si dovrebbe ripartire per ridare ai diritti umani nei territori occupati quel senso di giustizia che ad oggi non è stato raggiunto?
Sono a mio parere due i punti da cui ripartire: la ricostruzione della verità contando sull’onestà e la preparazione dei media mainstream, che finora non hanno mai dimostrato la giusta attenzione, ed infine imporre il rispetto delle oltre 70 Risoluzioni ONU ignorate da Israele. Affinché entrambi i punti vengano rispettati, vi è la necessità che i tanti governi democratici che oggi sostengono Israele sospendano il loro sostegno finché quello Stato non arrivi a osservare la legalità internazionale. Questo significherebbe la fine dell’occupazione e dell’assedio, la restituzione delle risorse e delle terre confiscate illegalmente, la fine del regime di apartheid a danno dei palestinesi, compresi quelli definiti arabo-israeliani e, in definitiva, il trionfo, benché tardivo, della giustizia come unico e vero fondamento per la pace.

Categorie: Diritti Umani, Ecologia ed Ambiente, Interviste, Medio Oriente, Pace e Disarmo, Questioni internazionali
Tags: , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.