Le “cicale” del debito pubblico

16.02.2016 - Rocco Artifoni

Le “cicale” del debito pubblico
(Foto di blog.libero.it)

Nel 2014 il Prodotto Interno Lordo (PIL) dell’Italia è stato calcolato in 1.542 miliardi di euro. Nello stesso anno il debito pubblico italiano è arrivato a 2.136 miliardi di euro. Togliendo i 60 miliardi di prestiti al fondo “salva Stati” e i 46 miliardi di liquidità del Tesoro, il debito netto nel 2014 era di 2.030 miliardi di euro. Di conseguenza il rapporto debito/PIL nel 2014 ha superato il 132%.
Nel 2015 il PIL italiano, secondo le stime ISTAT, è aumentato dello 0,7%, il che significa che dovrebbe aver raggiunto la cifra di 1.553 miliardi di euro, con un incremento di 11 miliardi. Nello stesso anno il debito lordo è salito a quota 2.170 miliardi di euro. Tolti i 58 miliardi di prestiti agli altri Stati e i 36 miliardi di liquidità della Tesoreria di Stato, il debito netto dell’Italia nel 2015 è salito a 2.076 miliardi di euro, con un incremento di 46 miliardi. Di conseguenza, nel 2015 il rapporto debito/PIL dovrebbe aver raggiunto il 134%.
A fronte di questi dati (forniti da ISTAT e da Bankitalia), sapendo che la legge di stabilità per il 2016 è finanziata per 15 miliardi in deficit e che – per evitare che nel 2017 scattino le clausole di salvaguardia con l’aumento dell’IVA – servono altri 15 miliardi, pare alquanto difficile evitare che anche nel 2016 il debito pubblico aumenti. Per non parlare dell’obiettivo del pareggio di bilancio vigente nella Costituzione da oltre 2 anni e che finora è rimasto lettera morta.
A sentire i proclami e le promesse di molti esponenti politici di rilievo, l’Italia si sta avviando verso luminosi orizzonti, ma i dati economici continuano a mostrarci un prevalere di nuvole e ombre. Per precauzione preferiamo fidarci dei dati effettivi, che di fatto smascherano alcune loquaci e insistenti “cicale”…

Categorie: Economia, Europa
Tags: , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.