Pakistan, attentato all’Università Bacha Khan: colpita la storia della nonviolenza musulmana

28.01.2016 - Azione Nonviolenta

Pakistan, attentato all’Università Bacha Khan: colpita la storia della nonviolenza musulmana
(Foto di azionenonviolenta.it)

All’Università Bacha Khan del Pakistan è stata colpita anche la storia della nonviolenza musulmana. Perché fa paura.

Tra i molti criminali attentati terroristici in vari Paesi del mondo, sono particolarmente odiosi quelli che prendono di mira le scuole e le università, i luoghi di studio dove attraverso la conoscenza si vogliono superare fanatismi e fondamentalismi. Le scuole degli Stati Uniti sono quelle maggiormente colpite (dai fondamentalisti cristiani), l’attentato al campus di Garissa in Kenia il più sanguinoso e l’ultimo, quello all’università Bacha Khan di Charsadda, in Pakistan il più tristemente simbolico (questi ultimi colpiti dai fondamentalisti musulmani). Il 20 gennaio un commando terrorista ha fatto irruzione nell’Università pakistana dedicata a Bacha Khan, nel giorno delle celebrazioni per l’anniversario della morte di Khan Abdul Ghaffar Khan – detto Badshah o, appunto, Bacha Khan – uccidendo ventidue tra studenti e insegnanti e ferendone decine di altri. La scelta dell’Università e del giorno non è casuale, ma è un preciso attacco all’islam nonviolento di cui Badshah Kkan – morto il 20 gennaio del 1988 – è stato promotore e organizzatore. Chiamato, per questo, il “Gandhi della Frontiera”.

Gaffar Khan, nato in una famiglia musulmana benestante nella regione dei Pashtun (o Pathan) – oggi tra Pakistan e Afghanistan – era un ragazzo negli anni della rivolta popolare contro la dominazione britannica nel luglio del 1897, repressa violentemente dagli inglesi che distrussero i raccolti, tagliarono gli alberi, avvelenarono i pozzi, demolirono le case. Comprendendo, man mano, che la via dell’autonomia del popolo Pathan passa per le riforme sociali e l’educazione, Gaffar comincia ad aprire scuole popolari aperte a tutti nei villaggi, sfidando sia il potere britannico che i mullah tradizionalisti. Per questo, alterna le visite ai villaggi di montagna con i soggiorni in carcere, che durano anni. Nel 1928 è inevitabile l’incontro con Gandhi e con il movimento per l’auto-governo dell’India, ed anche grazie a questo matura sempre di più l’idea che la strada della nonviolenza organizzata sia quella necessaria ad unire e liberare un popolo orgoglioso, come i Pashtun, in lotta permanente anche contro se stesso per un arcaico codice d’onore.

Crea così, sulla Frontiera un vero e proprio “esercito nonviolento”, il Khudai Khidmatgar (Servi di Dio), aperto a uomini e donne, disarmato disciplinato e con compiti civili – aprire scuole, promuovere progetti sociali, organizzare l’autogoverno dei villaggi, lottare per l’indipendenza – che, a partire da un primo nucleo di 500 persone aumenta man mano fino a contare 80.000 aderenti, che si collegano direttamente alla lotta satyagraha gandhiana. Indossano la camicia rossa e per questo dagli inglesi sono chiamati “comunisti”. Subiscono una repressione feroce alla quale resistono con eroismo e nonviolenza. Raggiunta l’indipendenza indiana dall’impero britannico, sia Gandhi che Badshah Khan – sempre più alleati – si oppongono all’idea che musulmani e indù non possano vivere pacificamente in uno stesso Paese. Ma il primo è ucciso da un fondamentalista indù, il secondo arrestato dal nuovo governo musulmano del Pakistan. L’esercito nonviolento messo al bando e le sue sedi distrutte. Bacha Kan, passerà trent’anni in carcere e sette in esilio in Afghanistan. la sua storia è raccontata, in italiano, nel libro di Eknath Easwaran, “Badshah Khan, il Gandhi musulmano”.

Non è un caso che la giovane premio Nobel per la pace 2014 Malala Yousufzai – colpita dai fondamentalisti pakistani mentre andava a scuola – sia una ragazza pashtun e che Malala abbia citato Bacha Khan – insieme a Gandhi e Martin Luther King – nel discorso di accettazione del Premio, per aver imparato da loro la “filosofia della nonviolenza”. Non è un caso dunque che siano stati colpiti gli studenti e gli insegnanti dell’Università Bacha Khan, esattamente durante le celebrazioni dell’anniversario della morte del Gandhi della Frontiera. Ciò signifnifica – ancora una volta – che la nonviolenza fa paura a tutti i fondamentalismi di qualunque religione. Anche per questo la difesa civile, non armata e nonviolenta – della quale proprio l’esercito nonviolento di Bacha Khan è stato un importante antesignano, in un territorio musulmano – è il migliore antidoto a guerre, fanatismi e terrorismi.

 

di Pasquale Pugliese

Categorie: Asia, Nonviolenza, Opinioni, Questioni internazionali
Tags: , , , , , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

 

Solidarietà ai tempi del Coronavirus

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.