Burkina, dichiarazione del Generale Dienderé

22.09.2015 - Stefano Dotti

Quest'articolo è disponibile anche in: Francese

Burkina, dichiarazione del Generale Dienderé
(Foto di https://www.facebook.com/CitoyenBalayeur)

Dal nostro corrispondente da Ouagadogou

Lunedì 18 settembre 2015, ore 18,30: Dichiarazione del Generale Dienderé

Dopo i negoziati condotti dalla CEDEAO, che hanno portato a un progetto d’accordo e di fronte alla gravità della situazione della sicurezza, caratterizzata dal rischio di conflitti che portano al caos, alla guerra civile e alla violazione dei diritti umani,

Noi Generale Gilbert Dienderé, Presidente del CND e del RSP

– Deploriamo le perdite di vite umane, i feriti e i danni materiali e presentiamo le nostre condoglianze alle famiglie delle vittime.

 – Confermiamo il nostro impegno a restituire il potere alle autorità civili della transizione, DOPO L ‘ACCORDO DEFINITIVO DI USCITA DALLA CRISI SOTTO L’EGIDA DELLA CEDEAO.

– Accettiamo la liberazione del Colonnello Isaac Zida CONFORMEMENTE AL PROGETTO D’ACCORDO.

– CI IMPEGNEREMO A OPERARE PER LA COESIONE DELL’ESERCITO.

 – Presentiamo le nostre scuse alla nazione e alla comunità Internazionale.

Fine del comunicato.

In sintesi: ho evitato la guerra civile, deploro i morti e quindi non ne sono responsabile, restituisco il potere alla transizione solo dopo la firma dell’accordo CEDEAO (quando sarò amnistiato) e siccome chiedo scusa mi dovete credere.

Questo il messaggio di lunedì 21 settembre. Anche se qualcuno festeggia, è presto evidente il tentativo di manipolazione del generale, per far credere che sta cedendo e che vuole la pace.

Nella notte si sono svolte febbrili trattative tra i golpisti asserragliati dietro il Palazzo Presidenziale e l’Esercito regolare che ha circondato la città.  E i lealisti hanno dato un ultimatum per le 10 di stamattina. Ora sono le 9.50. La città è deserta. Tutto è chiuso.

Nel frattempo si sta riunendo ad Abuja, capitale della Nigeria, il vertice della CEDEAO che dovrebbe ratificare l’accordo (quello dell’inclusione e dell’amnistia).

Nella notte Kafando, Presidente della Repubblica della Transizione, è riuscito a raggiungere la residenza dell’ambasciatore francese perché non si sentiva al sicuro. Intanto gli americani stanno evacuando i loro connazionali.

Categorie: Africa, Opinioni, Politica
Tags: ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 14.11.19

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.