La macelleria sanitaria in Toscana…

30.01.2015 - Redazione Italia

La macelleria sanitaria in Toscana…
(Foto di Tomas)

Alcune info sulla sanità della Toscana, quella “ultima versione”, con la Giunta del Sig.Rossi che: ha deciso di tagliare oltre 2.000 posti letto ospedalieri (3,15/1000 abitanti), mentre la spending review nazionale ne imponeva solo 1.500 (3,7/1000 abitanti). Vale a dire 500 posti letto eliminati in più del previsto;

Vuole riorganizzare la sanità regionale con la cacciata dal sistema pubblico del 10% del personale  circa 5 mila dipendenti tra medici, infermieri, assistenti e personale tecnico in una situazione di cronica carenza di personale;

Fa pagare ogni cittadino toscano per ticket, pro capite 60,60 euro. La nostra regione si classifica seconda dopo il Veneto. Di queste 60,60 euro, 16,20 sono per i farmaci e ben 44,40 per le prestazioni sanitarie (visite specialistiche, esami diagnostici). Siamo i primi in assoluto in italia per i ticket sulle prestazioni sanitarie.

Fa aspettare tantissimo tempo per le liste di attesa. Solo alcuni esempi: ASL6 Livorno, attesa media per una mammografia 367 giorni; ASL9 Grosseto, per una risonanza magnetica al cranio e cervicale si attende 266 giorni; ASL1 apuana, un’ecografia alla mammella si fa in 179 giorni; ASL7 senese, per una risonanza al femore si aspettano 171 giorni; ASL11 Empoli, una risonanza magnetica senza mezzo di contrasto si fa in Fa attendere molto anche per essere ricoverati: in Toscana sono necessari 40 giorni di attesa per essere ricoverati per un tumore al seno, a fronte di un dato nazionale pari a 24 giorni; per un tumore alla prostata 47; 36 per un’angioplastica; 27 per un tumore al polmone; 28 per un tumore all’utero.

Fa diventare la Toscana fanalino di coda secondo gli ultimi dati del Ministero della Salute sui tempi di attesa in regime di ricovero ordinario e day hospital; In conclusione, la Toscana – ormai “Infelix”  è una tra le regioni con i ticket più alti e le liste di attesa più lunghe. Tutto questo mentre gran parte della specialistica e della diagnostica viene data in mano al privato e al terzo settore…mentre si ridimensionano ferocemente i piccoli presidi ospedalieri territoriali, tagliando loro posti letto e non garantendo neanche più – nella sostanza i pronto soccorso…mentre si chiudono distretti e presidi territoriali, costringendo le persone spesso a fare i salti mortali per garantirsi le cure sanitarie.

 

Fausto Tenti (Segreteria Provinciale PRC Arezzo)

Categorie: Comunicati Stampa, Europa, Salute
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 15.11.19

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.