Rapporto Unicef, per i bambini un anno devastante

10.12.2014 - MISNA Missionary International Service News Agency

Rapporto Unicef, per i bambini un anno devastante
(Foto di Dario Lo Scalzo)

Il 2014 è stato un anno “devastante” per i bambini, con milioni di loro esposti a conflitti armati, a Ebola e a diverse forme di torture.  “Ben 15 milioni di bambini sono coinvolti in conflitti violenti nella Repubblica Centrafricana, Iraq, Sud Sudan, Territori palestinesi, Siria e Ucraina, inclusi gli sfollati e coloro che vivono come rifugiati interni.  Bambini sono stati uccisi mentre si trovavano a scuola o durante il sonno, nei loro letti, mentre altri sono rimasti orfani, torturati, reclutati o anche venduti come schiavi Mai nella storia recente, così tanti bambini sono sottoposti a tali indicibili brutalità” ha detto nel comunicato Anthony Lake, direttore esecutivo dell’Unicef.

L’Unicef stima a circa 230 milioni i bambini che vivono attualmente nei paesi e nelle aree colpite da conflitti armati in tutto il mondo. “Nella Repubblica Centrafricana, 2,3 milioni di bambini sono colpiti dal conflitto, circa 10.000 bambini sono stati reclutati da gruppi armati nel corso dell’ultimo anno e più di 430 bambini sono stati uccisi e mutilati; tre volte in più dei casi segnalati nel 2013. Allo stesso tempo, crisi prolungate in paesi come l’Afghanistan, la Repubblica Democratica del Congo, Nigeria, Pakistan, Somalia, Sudan e Yemen, hanno continuato a segnare tristemente le vite di un gran numero di bambini e minori” si legge nel comunicato.

L’ agenzia per l’infanzia delle Nazioni Unite ha anche sottolineato che quest’anno sono nate gravi nuove minacce per la salute e il benessere dei bambini, in particolare l’epidemia dell’ Ebola in Guinea, Liberia e Sierra Leone, che ha lasciato migliaia di bambini orfani e circa 5 milioni obbligati ad abbandonare la scuola.

Nonostante le restrizioni di accesso, l’insicurezza e le sfide di finanziamento, le organizzazioni umanitarie tra cui l’Unicef hanno lavorato insieme per fornire assistenza salvavita e altri servizi fondamentali come l’istruzione e il sostegno per aiutare i bambini che crescono in alcuni dei luoghi più pericolosi al mondo “Nella Repubblica Centrafricana- si legge nel comunicato – una campagna è in corso per permettere, se la situazione della sicurezza lo consente, il ritorno a scuola a 662 mila bambini. (…) Quasi 68 milioni di dosi di vaccino antipolio orale sono state consegnate ai paesi del Medio Oriente per arginare una epidemia di poliomielite in Iraq e Siria, mentre nel Sud Sudan, più di 70.000 bambini sono stati trattati per malnutrizioni gravi”.

Categorie: Comunicati Stampa, Diritti Umani, Internazionale
Tags: , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 26.01.20

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

Chiudiamo le pagine di chi spegne i sorrisi

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.