Processo ILVA: le preoccupazioni di PeaceLink

20.11.2014 - Alessandro Marescotti

Processo ILVA: le preoccupazioni di PeaceLink
Vista dell'ILVA di Taranto (Foto di mafe de baggis)

Riprende il procedimento penale sull’ILVA a Taranto e PeaceLink ha presentato la documentazione per costituirsi parte civile. Questa importante udienza sarà dedicata proprio all’esame della costituzione delle parti civili.

 

In occasione di questa nuova udienza, intendiamo dichiarare la nostra preoccupazione per la decisione del governo di accelerare l’approvazione del disegno di legge 1345 sui reati ambientali. E’ un tentativo di riscrivere il reato di disastro ambientale proprio alla vigilia del processo ILVA a Taranto. PeaceLink si dichiara contraria a riscrivere in senso limitativo il reato di disastro ambientale proprio adesso.

 

Il rischio è quello di trasformare il processo in un’amnistia. Ci rivolgiamo pertanto ai senatori perché avviino una seria consultazione dei cittadini nelle realtà in cui sono in corso o stanno per avviarsi i processi per disastro ambientale. Già 5675 cittadini hanno firmato la petizione di PeaceLink per fermare il disegno di legge. Il disegno di legge vuole sancire il danno ambientale come “alterazione irreversibile dell’ecosistema”: cosa molto difficile, se non impossibile, da dimostrare. Infatti ogni serio intervento di bonifica può ridurre o attenuare l’alterazione dell’ecosistema. Questa formulazione limitativa è pertanto uno “sgambetto” per i magistrati che – come a Taranto – hanno dimostrato con perizie molto solide che la popolazione era stata esposta ad una situazione di pericolo concreto, come confermato dall’indagine epidemologica. Per poter accertare il nuovo reato di disastro ambientale – come prevede il nuovo disegno di legge – si dovrebbero poter produrre, con numerosissime perizie, dei dati “individuali” certi per ognuna delle possibili vittime dell’inquinamento.

 

La difficoltà di ottenere tutti questi dati costituisce un problema di non facile risoluzione e il processo potrebbe diventare una “Tela di Penelope” con il rischio di generare un “processo infinito” e quindi di farlo andare in prescrizione. Il fatto che il governo adesso spinga per approvare il nuovo Disegno di Legge sui reati ambientali è da noi interpretato come un tentativo di mettere in difficoltà la magistratura tarantina, a cui va il nostro sostegno. Riscrivere le regole del gioco mentre sta iniziando la partita è per noi inaccettabile.

 

Invitiamo tutti a firmare la nostra petizione online http://www.peacelink.it/ecologia/a/40142.html

Per PeaceLink

 

Fulvia Gravame – responsabile nodo di Taranto – ha richiesto la costituzione come parte civile al processo

 

Alessandro Marescotti – presidente nazionale – ha richiesto la costituzione come parte civile al processo

Categorie: Comunicati Stampa, Ecologia ed Ambiente, Europa, Opinioni
Tags: , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


video 10 anni Pressenza

Eventi 10 anni di Pressenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.