La Corte Penale Internazionale non incrimina Israele

06.11.2014 - MISNA Missionary International Service News Agency

Nonostante ci siano “basi ragionevoli per ritenere che siano stati commessi crimini di guerra”, la Corte penale internazionale (Cpi) non processerà Israele per il raid delle teste di cuoio sulla Mavi Marmara, la nave che il 31 maggio 2010 stava trasportando aiuti umanitari destinati alla Striscia di Gaza.

Fatou Bensouda, procuratore capo della Cpi, ha affermato che il tribunale con sede nella città olandese dell’Aja deve dare priorità alle indagini relative a crimini di guerra commessi “su larga scala”.

L’assalto alla Mavi Marmara fu sferrato mentre la nave si trovava in acque internazionali. Nel blitz furono uccisi sei attivisti, perlopiù di nazionalità turca.

Categorie: Medio Oriente, Questioni internazionali
Tags: , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.