Iran: eseguita la condanna a morte per Reyhaneh

25.10.2014 - Redazione Italia

da Il Fatto Quotidiano

All’alba di oggi è stata eseguita tramite impiccagione la condanna di Reyhaneh,  la donna condannata a morte con l’accusa di aver ucciso il suo potenziale stupratore.

L’imminenza dell’esecuzione era stata paventata dalla sezione mediorientale di Amnesty International e a nulla sono valsi gli appelli moltiplicatisi in rete nell’ultimo mese, a cui si era aggiunta anche la voce di Papa Francesco. A nulla è servito nemmenoil tentativo della famiglia di chiedere il perdono ai congiunti dell’ucciso.

Il processo era stato giudicato da più parti “sommario” e l’accusa di premeditazione, che avrebe “giustificato” la pena capitale, era basata sul fatto che la donna avesse comprato il coltello solo due giorni prima di uccidere il suo molestatore.

In tutto il mondo si è levata l’indignazione per il caso specifico e l’affermazione dell’inutilità della pena di morte, in qualunque caso.

Categorie: Diritti Umani, Internazionale, Medio Oriente
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.