Metodi di analisi nelle scienze sociali

15.07.2013 - Redazione Italia

Metodi di analisi nelle scienze sociali
(Foto di Multimage.org)

E’ uscito in una coedizione tra la Multimage e la Trascend University Press il libro di Alberto L’Abate Metodi di analisi nelle scienze sociali e ricerca per la pace: una introduzione.

La scheda completa del libro è disponibile sul sito della Multimage

Riportiamo l’introduzione di Joahn Galtung al libro:

Prefazione ad un “capolavoro”1

Il lettore mi permetterà un piccolo aneddoto. Nel 1954 Alberto ed io ci siamo incontrati per la prima volta a Firenze, grazie ad una gentile signora inglese venuta in Italia per matrimonio. Era il tempo della guerra fredda che ci preoccupava tutti e tre, e lei ci fece accomodare nel suo bellissimo salotto chiedendo ad Alberto in quale sedia volesse sedere, in questa o in quella? Se una di queste sedie avesse rappresentato una cattedra (in inglese chair significa tutte e due le cose), una di metodologia delle scienze sociali e l’altra della ricerca per la pace, la risposta sarebbe stata evidentemente a favore di tutte e due. E proprio lo stesso sarebbe stato per me: ambedue sarebbero diventate passioni e, come per Alberto, mi avrebbero portato ai fondamenti di tutte e due.

Questo libro è il risultato di una lunga vita di viaggi dalla semplicità delle metodologie–epistemologie importate dalla meccanica per esplorare la complessità della realtà sociale, e la ricerca della corrispondenza tra l’oggetto ed il soggetto che cerca di pensare, parlare e agire nei confronti della realtà di cui fa parte egli stesso.

L’Abate porta il lettore, attraverso i molti dilemmi con i quali si scontra la ricerca sociale, a quattro metodi di analisi, quattro paradigmi di base: la causalità, lo strutturalismo, il funzionalismo e l’analisi processuale. Molti altri hanno fatto questo percorso arrivando però ad una forte propensione a favore di uno di questi contro gli altri. Al livello della riflessione matura di L’Abate questo tipo di polarizzazione, ben nota dagli studi sui conflitti, la violenza e la pace, non ci porta da nessuna parte. Tutti e quattro i metodi di analisi hanno meriti e demeriti, ma se “possiamo vederli come metodi particolari che si arricchiscono a vicenda, allora possiamo fare notevoli passi avanti”. Come, in un conflitto, una piccola prova rivelerà qualche legittimità nelle posizioni di tutte le parti, c’è qualche validità in tutte, se vengono sistemate in una metodologia creativa, più ampia.

E L’Abate ci guida, oltre l’occupazione intellettuale favorita, identificando gli errori e le mancanze, verso nuovi e più ricchi orizzonti.

Alfaz, Febbraio 2009, Johan Galtung

1 Quando all’autore del libro è arrivato il testo, in inglese, della prefazione di Galtung egli è restato sconcertato dalla definizione di “Masterpiece” che, in italiano, non si può tradurre che come “capolavoro”. Essendo conscio, infatti, sia dei pregi che dei limiti e dei difetti di questo testo, non aveva il coraggio di usare questo termine nella traduzione italiana. Perciò ha scritto a Galtung proponendogli di tradurre questa parola come “opera magistrale”. Galtung ha subito risposto accettando questa traduzione ma definendola “un po’ debole”. Al chè l’autore ci ha ripensato ed ha deciso di utilizzare il termine originario di Galtung, ritenendo di non aver diritto di modificare, in qualche modo, il giudizio di quello che è generalmente riconosciuto come uno dei padri fondatori di questo ramo di ricerca, ed uno dei più grandi maestri di studi per la pace, il cui insegnamento è stato fondamentale per la elaborazione di tutto questo lavoro.

Categorie: Cultura e Media, Europa, Nonviolenza
Tags: , , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 14.12.19

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.