7 e 9 Aprile in piazza contro la legge “Salva-Ilva”

05.04.2013 - Il Cambiamento

7 e 9 Aprile in piazza contro la legge “Salva-Ilva”

“A noi tutti spetta prenderci una giusta e civile rivincita contro la malapolitica e gli inquinatori, perché Taranto sia libera, finalmente libera”. È quanto si legge sul sito taranto7aprile in cui è possibile trovare informazioni sulle manifestazioni che si terranno il 7 ed il 9 aprile prossimi rispettivamente a Taranto e Roma.

La manifestazione che si terrà domenica 7 aprile a Taranto organizzata dal Comitato Manifestazione 7 Aprile partirà alle ore 10.30 dall’Arsenale Militare in via di Palma e proseguirà fino a Piazza della Vittoria. Come si legge sul sito, la manifestazione ha lo scopo di tenere alta l’attenzione dell’opinione pubblica, in attesa della sentenza della Corte Costituzionale che il 9 Aprile 2013 si pronuncerà sulla legittimità costituzionale della Legge 231/2012 – la cosiddetta “legge Salva-Ilva”- e di dare sostegno pieno all’azione della magistratura.

La legge non riguarda solo l’Ilva, ma tutti gli stabilimenti inquinanti di interesse strategico nazionale e toglie alle procure italiane la possibilità di compiere sequestri degli impianti inquinanti laddove è necessario tutelare la salute e la vita dei cittadini e dei lavoratori.

“È attesa una imponente partecipazione sia della popolazione tarantina che di cittadini provenienti da altre città”. Insieme ai cittadini scenderanno in piazza anche medici, farmacisti, infermieri e tutto il personale sanitario. In particolare, hanno fino ad ora annunciato la loro adesione e la loro partecipazione in camice bianco: l’Ordine dei Medici di Taranto; l’Ordine dei Medici di Bari; l’Ordine dei Farmacisti di Taranto; la Federazione Nazionale Collegio di Taranto Infermieri; Associazione Nazionale Fisioterapisti della Puglia; l’Ass. Federottica Taranto, Ass. Regionale Pediatri; il Prof. Stefano Favale, Direttore di Cardiologia Università di Bari; il Prof. Giuseppe Palasciano, Direttore Clinica Medica Università di Bari; il Dott. Franco La Valle, Vice Direttore Ordine dei Medici di Bari; la Dott:ssa Annamaria Moretti, Direttore U.O. Pneumologia Policlinico di Bari ed altri numerosi professori, medici, personale sanitario delle Università e degli ospedali pugliesi.

“Taranto e le città italiane hanno bisogno di un futuro diverso. Mai più morti per inquinamento. Mai più una legge come il decreto 207/2012 (Salva-Ilva) che blocca gli interventi urgenti dei giudici e lascia in attività impianti pericolosissimi. Il 9 aprile la Corte Costituzionale decide sulla sua illegittimità. In ogni caso chiediamo rispetto e giustizia per le vittime ed i territori più colpiti e l’aiuto di neo-parlamentari e cittadini per abrogarlo”. È quanto si legge nella locandina del sit-in che si terrà a Roma martedì 9 aprile a Montecitorio dalle 10 alle 14.

Domenica 14 Aprile 2013 si svolgerà invece a Taranto il Referendum Consultivo Comunale che pone ai cittadini due quesiti sui quali esprimersi: il primo che prevede la chiusura totale dello stabilimento Ilva, il secondo che ne prevede la chiusura della sola area a caldo con il conseguente smantellamento dei parchi minerali.

Categorie: Ecologia ed Ambiente, Europa, Politica
Tags: , , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

 

Solidarietà ai tempi del Coronavirus

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.