ATT: il rischio di un nulla di fatto

24.07.2012 - MISNA Missionary International Service News Agency

ATT: il rischio di un nulla di fatto

 

Pesanti interrogativi e il rischio di un nulla di fatto stanno caratterizzando la quarta e ultima settimana della Conferenza dell’Onu in corso a New York per l’elaborazione di un Trattato sul commercio delle armi convenzionali (Att, Arms Trade Treaty).

A sostenerlo sono diverse fonti della società civile sentite dalla MISNA, secondo cui a frenare sull’approvazione di un trattato forte sono in particolare Stati Uniti, Cina e Russia, ovvero tre fra i principali produttori di armi.

“Tutto è ancora in discussione – dice alla MISNA Emilio Emmolo, ricercatore dell’Archivio Disarmo, istituto di ricerca con base a Roma – ma le varie posizioni espresse nelle prime tre settimane in alcuni casi mettono in discussione l’elaborazione stessa di un trattato”.

Secondo le notizie trapelate dalle riunioni a porte chiuse condotte a New York, Cina e Russia sarebbero a favore di un trattato “debole” se non addirittura per il mantenimento dell’attuale status quo. Gli Stati Uniti, da parte loro, avrebbero posto condizioni tali che depotenzierebbero il trattato e stanno esercitando pressioni su Francia e Regno Unito.

“Non è un caso – aggiunge Emmolo – che Londra e Parigi non siano tra i sostenitori di un documento firmato da 73 paesi in cui si chiede il massimo sforzo per un trattato con criteri rigorosi e che comprenda il divieto a trasferimenti qualora vi sia il rischio che le armi possano essere usate per violazioni di diritti umani”. Di questo gruppo fa parte tra l’altro l’Italia che però ha a sua volta chiesto di non comprendere nel trattato le armi leggere ma solo quelle ad esclusivo uso militare. “Come se quelle leggere – conclude Emmolo – non fossero utilizzate nei conflitti quando è universalmente riconosciuto il loro peso soprattutto nelle guerre africane”.

Secondo Emmolo e altre fonti sentite a New York, la società civile internazionale sta ora valutando altre opzioni: tra queste l’adozione di una convenzione quadro alla quale aggiungere in un secondo tempo protocolli opzionali; oppure l’adozione di un trattato forte da parte di una settantina di paesi, che vedrebbe di fatto esclusi i principali produttori di armi.

Categorie: Nord America, Politica
Tags: , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.