In un appello congiunto ai membri del Parlamento europeo e dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa, un’ampia alleanza della società civile di 20 Paesi ha chiesto ai governi europei di concedere protezione e asilo agli obiettori di coscienza e ai disertori russi, bielorussi e ucraini. Hanno bisogno di protezione e asilo immediati.

Secondo il diritto internazionale, i militari e le donne che combattono per la Russia in questa guerra stanno conducendo un’operazione illegale. Inoltre, è possibile che la Bielorussia partecipi alla guerra al fianco della Russia. Le persone che si rifiutano di partecipare alla guerra saranno molto probabilmente perseguite penalmente, il che li qualifica per la protezione dell’UE. che li qualifica per la protezione ai sensi della Direttiva UE in materia.

Nella maggior parte degli Stati membri la stragrande maggioranza delle persone colpite non ha ancora ricevuto alcuna garanzia di questa protezione.

Con questo appello, le suddette organizzazioni chiedono che venga loro garantita protezione e asilo.

Si presume che tra le 300.000 persone che hanno lasciato la Russia di recente a causa della guerra, vi siano molti uomini che cercano sicurezza all’estero per evitare di essere mandati in guerra. Negli ultimi mesi circa 20.000 uomini dalla Bielorussia hanno lasciato il Paese per evitare il reclutamento. Ci sono anche obiettori di coscienza ucraini che non vogliono combattere in questa guerra; circa 3.000 uomini hanno chiesto asilo nella sola Moldavia.

A ogni cittadino, registrato in Ucraina entro il 24 febbraio 2022, è attualmente concessa la residenza umanitaria nell’Unione Europea. Questo è incoraggiante. Tuttavia, dovremmo considerare seriamente cosa accadrà agli obiettori di coscienza ucraini quando questa disposizione scadrà.

I Paesi europei dovrebbero accogliere senza burocrazia queste persone in fuga dallo sforzo bellico e concedere loro un diritto di soggiorno permanente.

Il diritto umano all’obiezione di coscienza è stato riconosciuto tra l’altro dall’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa e dal Parlamento europeo. Deve essere garantito a tutti, dappertutto. I Paesi europei devono garantire il pieno riconoscimento del diritto umano all’obiezione di coscienza.

“Il nostro obiettivo è garantire che gli obiettori di coscienza e i disertori degli Stati coinvolti nella guerra in Ucraina ricevano immediata protezione e asilo, si legge nella lettera ai parlamentari.”

La lettera – che include una bozza di risoluzione suggerita – è un’iniziativa di International Fellowship of Riconciliazione (IFOR), War Resisters’ International (WRI), l’Ufficio europeo per l’obiezione di coscienza (EBCO) e Connection e.V. (Germania), ed è sostenuta da circa 60 altre organizzazioni per la pace, diritti umani e i rifugiati in tutta Europa.

L’appello è disponibile qui con la lista completa di tutte le organizzazioni internazionali e nazionali che hanno firmato l’appello.

Informazioni sulla situazione legale dell’obiezione di coscienza e della diserzione in Bielorussia, Federazione Russa e Ucraina sono disponibili qui.

Informazioni sulla protezione e l’asilo per gli obiettori di coscienza e i disertori sono disponibili qui.

Contatti:

Zaira Zafarana, International Fellowship of Reconciliation, zaira.zafarana@ifor.org, www.ifor.org, (inglese, italiano)

Rudi Friedrich, Connection e.V., +49 69 8237 5534, office@Connection-eV.org, http://www.Connection-eV.org (tedesco, inglese)

Semih Sapmaz, War Resisters’ International, semih@wri-irg.org, http://www.wri-irg.org (inglese, turco)

Sam Biesemans, Ufficio europeo per l’obiezione di coscienza (EBCO), +32 477 268893, ebco.brussels@skynet.be, www.ebco-beoc.org (francese, olandese, italiano, inglese)