La spesa militare globale totale è aumentata dello 0,7% in termini reali nel 2021, per raggiungere i 2113 miliardi di dollari. I cinque maggiori spenditori nel 2021 sono stati gli Stati Uniti, Cina, India, Regno Unito e Russia, che insieme rappresentano il 62% della spesa, secondo i nuovi dati sulla spesa militare globale pubblicati oggi dallo Stockholm International Peace Research Institute (SIPRI).

Scarica la scheda informativa SIPRI.

La spesa militare raggiunge il livello record nel secondo anno della pandemia

La spesa militare mondiale ha continuato a crescere nel 2021, raggiungendo il massimo storico di $ 2,1 trilioni. Questo è stato il settimo anno consecutivo in cui la spesa è aumentata.

“Anche in mezzo alle ricadute economiche della pandemia di Covid-19, la spesa militare mondiale ha raggiunto livelli record”, ha affermato il dottor Diego Lopes da Silva, ricercatore senior del programma SIPRI per la spesa militare e la produzione di armi. «Si è registrato un rallentamento del tasso di crescita in termini reali dovuto all’inflazione. Tuttavia, in termini nominali, la spesa militare è cresciuta del 6,1%».

A seguito di una brusca ripresa economica nel 2021, la spesa militare mondiale come quota del prodotto interno lordo (PIL) è diminuita dal 2,3% nel 2020 al 2,2% nel 2021.

Gli Stati Uniti si concentrano sulla ricerca e sviluppo militare

La spesa militare degli Stati Uniti è stata di 801 miliardi di dollari nel 2021, con un calo dell’1,4% rispetto al 2020. Il carico militare degli Stati Uniti è diminuito leggermente dal 3,7% del PIL nel 2020 al 3,5% nel 2021.

I finanziamenti statunitensi per la ricerca e lo sviluppo militare sono aumentati del 24% tra il 2012 e il 2021, mentre i finanziamenti per l’approvvigionamento di armi sono diminuiti del 6,4% nello stesso periodo. Nel 2021 la spesa per entrambi è diminuita. Il calo della spesa per R&S (-1,2%) è stato inferiore a quello della spesa per gli appalti di armi (-5,4%).

“L’aumento della spesa per R&S nel decennio 2012-21 suggerisce che gli Stati Uniti si stanno concentrando maggiormente sulle tecnologie di prossima generazione”, ha affermato Alexandra Marksteiner, ricercatrice del programma SIPRI per la spesa militare e la produzione di armi. “Il governo degli Stati Uniti ha ripetutamente sottolineato la necessità di preservare il vantaggio tecnologico dell’esercito statunitense rispetto ai concorrenti strategici”.

La Russia aumenta il bilancio militare in vista della guerra

La Russia ha aumentato la sua spesa militare del 2,9% nel 2021, a 65,9 miliardi di dollari, in un momento in cui stava costruendo le sue forze lungo il confine ucraino. Questo è stato il terzo anno consecutivo di crescita e la spesa militare della Russia ha raggiunto il 4,1% del PIL nel 2021.

“Gli elevati ricavi da petrolio e gas hanno aiutato la Russia ad aumentare la spesa militare nel 2021. La spesa militare russa è stata in calo tra il 2016 e il 2019 a causa dei bassi prezzi dell’energia combinati con le sanzioni in risposta all’annessione della Crimea da parte della Russia nel 2014”, ha affermato Lucie Béraud-Sudreau, direttore del programma SIPRI per la spesa militare e la produzione di armi.

La linea di bilancio «difesa nazionale», che rappresenta circa i tre quarti della spesa militare totale della Russia e comprende i finanziamenti per i costi operativi e gli approvvigionamenti di armi, è stata rivista al rialzo nel corso dell’anno. La cifra finale era di 48,4 miliardi di dollari, il 14% in più rispetto a quanto era stato preventivato alla fine del 2020.

Poiché ha rafforzato le sue difese contro la Russia, la spesa militare dell’Ucraina è aumentata del 72% dall’annessione della Crimea nel 2014. La spesa è scesa nel 2021, a 5,9 miliardi di dollari, ma rappresentava ancora il 3,2% del PIL del paese.

Continui aumenti da parte dei principali spenditori in Asia e Oceania

La Cina, il secondo più grande spenditore del mondo, ha stanziato circa 293 miliardi di dollari per il suo esercito nel 2021, con un aumento del 4,7% rispetto al 2020. La spesa militare cinese è cresciuta per 27 anni consecutivi. Il bilancio cinese 2021 è stato il primo nell’ambito del quattordicesimo piano quinquennale, che si estende fino al 2025.

Dopo l’approvazione iniziale del suo bilancio 2021, il governo giapponese ha aggiunto 7 miliardi di dollari alla spesa militare. Di conseguenza, la spesa è aumentata del 7,3%, a 54,1 miliardi di dollari nel 2021, il più alto aumento annuo dal 1972. Anche la spesa militare australiana è aumentata nel 2021: del 4 %, per raggiungere i 31,8 miliardi di dollari.

“La crescente assertività della Cina nei mari del sud e della Cina orientale è diventata uno dei principali motori della spesa militare in paesi come l’Australia e il Giappone”, ha affermato Nan Tian, ricercatore senior del SIPRI. “Un esempio è l’accordo trilaterale di sicurezza AUKUS tra Australia, Regno Unito e Stati Uniti che prevede la fornitura di otto sottomarini a propulsione nucleare all’Australia a un costo stimato fino a 128 miliardi di dollari”.

Altri sviluppi di rilievo:

  • Nel 2021 il bilancio militare dell’Iran è aumentato per la prima volta in quattro anni, a 24,6 miliardi di dollari. I finanziamenti per il Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche hanno continuato a crescere nel 2021 del 14% rispetto al 2020 e hanno rappresentato il 34% della spesa militare totale dell’Iran.
  • Otto membri della NATO (Organizzazione Europea del Trattato del Nord Atlantico) hanno raggiunto l’obiettivo dell’Alleanza di spendere il 2% o più del PIL per le loro Forze Armate nel 2021. Questo è un paese in meno rispetto al 2020, ma in aumento rispetto al 2014.
  • La Nigeria ha aumentato la spesa militare del 56% nel 2021, per raggiungere i 4,5 miliardi di dollari. L’aumento è la risposta a numerose sfide alla sicurezza, come l’estremismo violento e le insurrezioni separatiste.
  • La Germania, il terzo maggiore spenditore nell’Europa centrale e occidentale, ha speso 56 miliardi di dollari per il suo esercito nel 2021, ovvero l’1,3% del suo PIL. La spesa militare è stata inferiore dell’1,4% rispetto al 2020 a causa dell’inflazione.
  • Nel 2021 la spesa militare del Qatar è stata di 11,6 miliardi di dollari, rendendolo il quinto più grande spenditore in Medio Oriente. La spesa militare del Qatar nel 2021 è stata superiore del 434% rispetto al 2010, quando il paese ha pubblicato l’ultima volta i dati di spesa prima del 2021.
  • La spesa militare indiana di 76,6 miliardi di dollari si è classificata al terzo posto nel mondo. Questa è aumentata dello 0,9% rispetto al 2020 e del 33% rispetto al 2012. Nel tentativo di rafforzare l’industria degli armamenti indiana, il 64% delle spese nel bilancio militare del 2021 è stato destinato all’acquisizione di armi di produzione nazionale.

Traduzione dall’inglese di Filomena Santoro. Revisione di Thomas Schmid.

L’articolo originale può essere letto qui