Guardie di frontiera e tanti volontari: a Przemyśl i profughi ucraini trovano assistenza e soccorsi. Anche il governo si è attivato per loro

L’arrivo dei profughi

C’è un esercito a Przemyśl, guardie di frontiera e tanti volontari: polacchi e ucraini che prelevano subito gli arrivati. Il check-in scorre, ma la sponda ucraina è affollata, le persone aspettano lunghe ore in fila. Fino a sabato 26 febbraio, erano centomila i rifugiati che avevano attraversato il confine polacco. Il giorno successivo, questo numero è aumentato a 213.000.

L’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati ha dichiarato domenica che circa 368.000 ucraini sono arrivati nei paesi vicini dall’inizio dell’invasione. L’ONU ha stimato che il conflitto potrebbe produrre fino a quattro milioni di rifugiati, a seconda di quanto durerà.

Per entrare in Polonia, gli ucraini possono utilizzare il loro passaporto biometrico e non hanno bisogno di un visto. In questo caso possono rimanere per novanta giorni (più la cosiddetta “estensione COVID”). Coloro che non hanno il passaporto, vengono indirizzati verso centri di accoglienza dove possono chiedere lo status di protezione internazionale e assistenza umanitaria. La maggior parte dei rifugiati dall’Ucraina sono donne e bambini. A causa della mobilitazione di massa in Ucraina, nessun uomo di età compresa tra i 18 ei 60 anni può lasciare il paese.

Molti di loro sono arrivati a Przemyśl con il treno. Tuttavia, le ferrovie statali polacche non hanno ancora attivato collegamenti aggiuntivi speciali, consentendo il trasporto verso altre città. Finora, collegamenti emergenziali sono stati organizzati solo dalla Repubblica Ceca. Sabato, un treno delle ferrovie ceche che trasportava un piccolo numero di donne e bambini ucraini è arrivato dalla città di Przemyśl.

L’aiuto della gente comune

Numerosi gruppi di aiuto sono emersi sui social media. Si possono fornire informazioni e ospitare le persone; ci sono molti annunci su stanze, appartamenti o case disponibili; l’affitto degli alloggi e possibilità di coprire i costi di affitto. Un altro gruppo social si occupa di fornire le informazioni sulla possibilità di trasportare le persone dal confine al paese di accoglienza. C’è una grande mobilitazione anche al di fuori dei social media e delle ONG presenti sul posto. Le persone che vivono vicino al confine portano cibo e acqua alle stazioni ferroviarie, offrono aiuto, alloggio. Allo stadio del Legia di Varsavia si è formata una fila di persone pronte a donare il sangue per i feriti.

L’azione del governo

La portata del coinvolgimento sociale è sorprendente. Fortunatamente, il governo ha deciso rapidamente di revocare le restrizioni Covid ai rifugiati. L’esecutivo ha promosso l’apertura di punti di accoglienza a Dorohusk, Dołhobyczów, Horodło, Lubycza Królewska, Korczowa, Medyka, Krowica Samej, Ustrzyki Dolne. Ci sono lettini da campeggio, è organizzata l’assistenza medica.

Le persone in difficoltà possono recarsi lì in autonomia o essere guidate dalla Guardia di frontiera. La Guardia di frontiera dichiara che non lascerà nessuno senza aiuto. È complicata l’interpretazione di queste parole, visto l’atteggiamento della stessa Guardia di frontiera fino a pochi giorni fa verso altri rifugiati provenienti da altri contesti, rinchiusi in centri di detenzione, o respinti verso il confine con la Bielorussia.

Il diritto al lavoro

Il partito polacco di sinistra Lewica Razem fa appello al governo sottolineando l’importanza di realizzare meccanismi che, come ha detto Magdalena Biejat, tutelino i profughi ucraini dallo sfruttamento e il lavoro nero: “I lavoratori ucraini sono necessari in Polonia, hanno qualifiche e disponibilità a lavorare. Devono poter lavorare legalmente e con un lavoro dignitoso senza inutile burocrazia. Basta con i visti stagionali, basta con il lavoro delle agenzie di ‘inserimento lavorativo’ che non portano nulla alla nostra economia e sfruttano i lavoratori ucraini in cambio di inviti fittizi a lavorare” – ha detto Biejat. Il partito indica anche altre aree del funzionamento dello Stato che devono essere rafforzate immediatamente, ovvero l’assistenza sanitaria e l’istruzione. Entrambe sono fortemente sotto stress. I medici hanno lavorato duramente negli ultimi due anni della pandemia e la scuola è scossa dalle recenti riforme. Entrambi i settori, nel frattempo, dovranno affrontare le sfide della guerra e di milioni di rifugiati.

L’articolo originale può essere letto qui