The Lancet, una delle più autorevoli riviste medico-scientifiche del mondo ha pubblicato, il 24 settembre scorso, un articolo sull’impatto del covid nelle persone trans e non binarie

Le persone trans (transgender) in estrema sintesi sono persone che non si riconoscono nel genere assegnato alla nascita ma nell’altro genere, le persone non binarie sono le persone che oltre a non riconoscersi nel genere assegnato alla nascita, non si riconoscono, in modo assoluto, in nessuno dei due generi.

Questa “spiegazione” che abbiamo fatto per brevità, assume, per semplicità, che ci siano due generi distinti, cosa che peraltro è disconosciuta dalla cultura trans, argomento che però qui non affronteremo; il termine cisgender indica una persona non trans ovvero una persona che si riconosce nel genere assegnato alla nascita.

Ciò che afferma l’articolo è che l’impatto sulle persone trans e non binarie è stato molto critico anche in funzione della discriminazione, e lo è stato ancor più laddove una persona trans o non binaria subisca ulteriori discriminazioni, come quelle ad esempio legate al colore della pelle.

Riportiamo alcuni stralci dell’articolo:

Le persone trans e non binarie sperimentano discriminazioni pervasive nella nostra società. I fattori di stress legati alla condizione di genere, tra cui lo stigma e la discriminazione, aumentano la vulnerabilità ai problemi di salute (rispetto ai coetanei cisgender) con conseguente disparità praticamente in ogni ambito della vita, compresa l’assistenza sanitaria necessaria.

Sebbene ci vorranno anni per chiarire gli effetti completi della pandemia di COVID-19, soprattutto perché affrontiamo ondate di più varianti di SARS-CoV-2, è evidente che la pandemia ha provocato, nelle disparità esacerbate per le persone trans e non binarie, diversi fattori determinanti cruciali per la salute.

Le necessità imposte dalla pandemia hanno determinato nuovi metodi di assistenza, inclusa l’adozione diffusa della telemedicina, una pratica che può soddisfare meglio le esigenze delle persone trans e non binarie, che sono utili oltre lo scopo dell’attuale crisi sanitaria.

L’articolo esorta ad utilizzare “le lezioni” apprese dal 2020 per vedere come l’assistenza sanitaria per le persone trans e non binarie potrebbe essere migliorata nei prossimi anni.

Come precedentemente affermato, per le persone trans e non binarie con identità emarginate che si intersecano (ad es. donne transgender di colore), l’ineguaglianza e la discriminazione strutturali o sistemiche sono diventate particolarmente pronunciate durante la pandemia di COVID-19: sono state riportate percentuali più elevate di individui in condizioni abitative e occupazionali instabili e maggiori difficoltà finanziarie.

In un sondaggio statunitense su 7000 adulti lesbiche, gay, bisessuali, transgender e queer da aprile a maggio 2020, la campagna per i diritti umani ha rilevato che il 19% delle persone trans e non binarie e nel 26% delle minoranze etniche trans e non binarie, le persone sono diventate disoccupate a causa della pandemia, rispetto al 12% della popolazione generale.

Le difficoltà economiche hanno colpito in modo sproporzionato le minoranze etniche trans e non binarie, con il 59% della comunità e il 67% delle minoranze etniche della comunità che si dichiarano molto preoccupate di non poter pagare le bollette, rispetto al 15% della popolazione generale. I recenti sforzi politici, come il Fair Housing Act negli Stati Uniti, mirano a ridurre la discriminazione abitativa legata alle persone trans e non binarie, ma l’impatto resta da vedere.

Sebbene la pandemia di COVID-19 abbia aggravato molte disparità esistenti, la più notevole è stata l’accesso notevolmente ridotto alle cure cliniche specialistiche. Poiché le autorità sanitarie pubbliche hanno chiesto misure appropriate per mitigare la diffusione di COVID-19, si sono verificati ritardi nell’accesso ai servizi sanitari per l’affermazione di genere. Ad esempio, la cessazione degli interventi chirurgici non urgenti negli Stati Uniti e in molti altri paesi ha di fatto chiuso la porta a tutte le procedure di affermazione del genere e ha ulteriormente ritardato l’accesso alle procedure mediche necessarie per le persone trans e non binarie.

Inoltre, l’accesso anche ai più i servizi sanitari di base sono diventati difficili. Trovare un nuovo medico per la valutazione della terapia ormonale per l’affermazione del genere è diventato più difficile poiché i sistemi sanitari avevano personale sanitario limitato ed è stata data priorità ai pazienti già esistenti nel loro sistema. La pandemia oltre ad aver gravemente ridotto l’accesso per i pazienti esistenti all’interno dei sistemi sanitari, ha lasciato molti nuovi pazienti senza assistenza.

Data una guida limitata in tutti i contesti di pratica, operatori sanitari specializzati in cure per l’affermazione di genere hanno adattato il loro approccio, nella fase iniziale di prescrizione degli ormoni, rinunciando agli esami fisici di persona, altri sono stati fermamente convinti che un esame fisico fosse essenziale prima di prescriverli. Senza una guida chiara da parte delle società e delle organizzazioni per la salute delle persone trans e non binarie, i medici non sono stati in grado di fornire politiche e messaggi congruenti, ciò ha fatto sì che i pazienti scegliessero medici che si sentivano più a loro agio nell’iniziare il percorso sanitario per affermazione di genere rinunciando alla valutazione di persona.

Gli aspetti psicologici e psichici vissuti dalle persone trans e non binarie sono stati notevolmente esacerbati durante la pandemia, poiché le precauzioni COVID-19 hanno ridotto l’accesso al supporto sociale. Per le persone trans e non binarie, questo accesso ridotto ha significato la perdita di una fonte cruciale di resilienza contro gli effetti di stress determinati dalla “minoranza di genere”. Una recensione del Washington Post sulle chiamate a Trans Lifeline, una linea telefonica di crisi gestita da persone trans e non binarie, ha indicato che il 24% delle chiamate da marzo a luglio 2020, menzionava specificamente l’assenza di una comunità trans durante questo periodo.

Le persone trans e non binarie, durante la pandemia di COVID-19, hanno avuto meno opportunità di trascorrere del tempo socialmente riconosciuto nel loro genere affermato, quando gli incontri di persona erano vietati. In risposta alla riduzione dell’accesso alle cure e alla diminuzione della connessione sociale, gli indicatori di salute psicologica/psichica tra le persone trans e non binarie sono peggiorati, con un aumento dei tassi di depressione, ansia e suicidio.

La pandemia di COVID-19 sottolinea le carenze sistematiche che le persone trans e non binarie devono affrontare nel cercare assistenza. Con la rapida proliferazione della telemedicina in questo momento di necessità e di risorse virtuali innovative, pazienti e medici hanno sperimentato un sistema che può assistere in modo più equo i pazienti laddove vivono. Piuttosto che tornare a quello status quo di sistemi “patchwork” (rattoppati) con numerose barriere di accesso all’assistenza che affermano il genere, c’è l’opportunità di creare uno standard nuovo e migliorato per garantire che tutti, in particolare le persone trans e non binarie, possano beneficiare di un maggiore accesso ad un’assistenza sanitaria di qualità, comprensiva di cure primarie, psicologiche/psichiche e specialistiche.