Tra acclamazioni e applausi, il 421° Squadrone dell’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale (EZLN) del Messico è stato ricevuto sabato a Madrid, dove i suoi membri hanno consegnato il “seme affidato” dal loro popolo nella lotta contro la disuguaglianza.

Alla cerimonia di benvenuto nel Teatro del Barrio della capitale spagnola, un centinaio di persone hanno accolto gli zapatisti Marijose, Yuli, Ximena, Carolina, Lupita, Bernal e Felipe, arrivati in Spagna dopo aver attraversato l’Oceano Atlantico in barca.

L’EZLN, ora un movimento politico, prese le armi il 1° gennaio 1994 per protestare contro l’entrata in vigore del NAFTA (North American Free Trade Agreement) e affrontò il governo messicano per 12 giorni nello Stato del Chiapas.

Nel 500° anniversario della conquista spagnola del Messico, gli zapatisti si sono imbarcati per l’Europa il 3 maggio per inviare un messaggio “contro la disuguaglianza derivata dal sistema economico e sociale capitalista”.

“Oggi consegniamo il seme che i nostri popoli ci hanno affidato. Siamo la prima delegazione ad arrivare, ma ne arriveranno molte altre”, ha dichiarato l’indigeno Tojolabal Yuli nella presentazione dei rappresentanti dell’EZLN, che sono intervenuti brevemente. “Siamo molto felici, grazie per averci aperto le porte del vostro cuore”, ha aggiunto Marijose.

Tra proclami zapatisti come “La lotta continua, Zapata vive”, intermezzi sotto forma di musica delle band Puerto Vaivén e Calle 7, poesie, battute e parole di affetto da parte di rappresentanti di organizzazioni civili spagnole hanno riempito l’incontro durato quasi due ore.

In questa tappa del loro giro europeo, che li porterà a Parigi dopo aver visitato altre città spagnole, un gruppo di bambini ha anche consegnato diversi regali di benvenuto, come una barca di cartone che simula quella che li ha portati in Europa.

Europa, “Terra ribelle”

Giorni prima di arrivare, il movimento zapatista aveva dichiarato: “Questa terra, che ribelle’. “Questo è il modo in cui sarà conosciuto dalla gente del posto e dagli stranieri finché ci sarà qualcuno qui che non si arrenderà, che non si venderà e che non cederà”, hanno detto gli indigeni.

“Vi diamo il benvenuto dalla Terra ribelle’. Ci avete fatto un regalo appena arrivati perché rinominare le cose ci dà nuovi immaginari e nuovi inquadramenti per pensare”, ha detto Monica Gortayre della Commissione sulle Migrazioni e l’Antirazzismo del movimento femminista 8M, incaricata di presentare l’evento.

Gortayre ha voluto spiegare la situazione attuale nella capitale spagnola dopo i mesi più difficili della pandemia. “Madrid vi accoglie nella lotta”, ha sottolineato, “difendendo i nostri centri sanitari, lottando per la sanità e l’educazione pubblica gratuita e di qualità, contro gli sfratti e gli sgomberi, contro la distruzione dei quartieri e del tessuto associativo”.

Sotto una tenda con la frase “Benvenuti Zapatisti, Madrid vi abbraccia”, Pablo Mayoral, che era stato incarcerato durante la dittatura spagnola di Franco, ha ringraziato l’EZLN per la loro visita e affermato che il loro arrivo ha fatto sì che i movimenti di memoria storica spagnoli e messicani “si conoscano di nuovo”.

“La vostra visita ci ha riuniti, ci siamo conosciuti di nuovo per andare avanti. Continuiamo a lottare contro la dittatura di Franco perché purtroppo è ancora presente nelle istituzioni”, ha detto Mayoral, che ha anche ricordato come le vittime della dittatura abbiano dovuto fuggire in altri paesi “in cerca di giustizia. La vostra visita ci incoraggia a continuare, qui nessuno si arrende”, ha ribadito.

C’erano anche rappresentanti dei movimenti LGTBI, che hanno regalato una bandiera arcobaleno a uno degli zapatisti.

Tatiana Romero, rappresentante della Piattaforma di Incontri di Bolleros, ha celebrato la ribellione degli zapatisti il 1° gennaio 1994 e ha sottolineato il loro contributo all’uguaglianza di genere: “Ha cambiato le nostre vite. Siamo grati che abbiate attraversato i mari e ci abbiate portato il seme della speranza. Vogliamo ascoltare, scambiare e imparare, perché la nostra lotta è anche per la vita, contro l’idra capitalista. Sappiamo che chi va piano va lontano”, ha detto.

Dopo l’evento, che si è concluso al ritmo della musica latina, lo squadrone è stato ricevuto dalle persone che non avevano potuto assistere a causa della capienza limitata dei posti e si erano riunite in una piazza vicina per seguirlo virtualmente.

Traduzione dallo spagnolo di Thomas Schmid

Revisione di Anna Polo