Egitto: 72 ONG chiedono il rilascio del ricercatore Ahmed Samir Santawy

14.04.2021 - Amnesty International

Egitto: 72 ONG chiedono il rilascio del ricercatore Ahmed Samir Santawy
(Foto di Amnesty International)

Settantadue organizzazioni non governative (*) hanno chiesto alle autorità egiziane il rilascio immediato e incondizionato dello studente e ricercatore ventinovenne Ahmed Samir Santawy, detenuto arbitrariamente dal 1° febbraio 2021 per false accuse di terrorismo, e di garantire indagini tempestive, indipendenti, imparziali, trasparenti ed efficaci sulle accuse del detenuto, secondo le quali, in seguito al suo arresto, sarebbe stato vittima di sparizione forzata e maltrattamenti da parte delle forze di sicurezza.

Le 72 Ong ritengono che Ahmed Samir Santawy, ricercatore e studente di un master di antropologia presso l’Università centrale europea di Vienna, sia detenuto arbitrariamente solo per la sua attività in ambito accademico sui diritti delle donne e sulla storia dei diritti riproduttivi in Egitto.

Il 23 gennaio 2021, sette poliziotti armati e con il volto coperto hanno fatto irruzione nell’abitazione della famiglia di Ahmed Samir Santawy, che non era presente, lasciando disposizioni, senza fornire alcuna motivazione, affinché egli si recasse presso gli uffici dell’Agenzia per la sicurezza nazionale (Nsa), i servizi segreti civili.

Quando, il 1° febbraio, il ricercatore ha fatto quanto gli era stato ordinato, le forze di sicurezza lo hanno arrestato ed è stato vittima di sparizione forzata fino al 6 febbraio. Ha detto che durante questo periodo, trascorso presso una stazione di polizia del Cairo, gli agenti dell’Nsa lo hanno picchiato, schiaffeggiandolo in volto e colpendolo con pugni allo stomaco, mentre si trovava ammanettato e bendato.

Il 6 febbraio Ahmed Samir Santawy è stato condotto per l’interrogatorio presso la Procura suprema per la sicurezza dello stato, competente per i procedimenti penali relativi ai reati riguardanti la “sicurezza dello stato”. Il ricercatore è stato iscritto nell’inchiesta 65/2021 per “appartenenza a un gruppo terroristico”, “diffusione di notizie false” e “utilizzo di un account social per la diffusione di notizie false”.

Il 23 febbraio, in occasione di un’ulteriore udienza, un altro procuratore ha reso noto che era Ahmed Samir Santawy era indagato anche per “finanziamento di organizzazione terroristica”. L’accusa basa le sue tesi su un’inchiesta dell’Nsa, che né ad Ahmed Samir Santawy né ai suoi avvocati è stato permesso esaminare, oltre che su post sui social media di cui egli nega di essere l’autore.

L’accusa ha interrogato Ahmed Samir Santawy sulla sua attività in ambito universitario e sui suoi studi, sulle sue ricerche su Islam e aborto e su alcuni post contro il governo provenienti da un account Facebook di cui egli ha però negato di essere l’autore. Ahmed Samir Santawy ha dichiarato alla Procura che durante i primi momenti della sua detenzione, gli agenti dell’Nsa gli hanno anche chiesto del suo lavoro di ricerca e del suo coinvolgimento in una pagina Facebook critica nei confronti delle autorità, che egli ha negato.

Inoltre, durante l’udienza del 23 febbraio, Ahmed Samir Santawy ha detto alla Procura che era stato tenuto in isolamento in una cella fredda senza possibilità di accesso a indumenti e biancheria da letto adeguati. La Procura non ha disposto un’indagine sulle sue accuse di essere stato vittima di sparizione forzata e di percosse da parte dell’Nsa e non ha risposto alla richiesta degli avvocati affinché Ahmed Samir Santawy potesse essere visitato da un medico.

Ahmed Samir Santawy è attualmente in regime di detenzione preventiva presso il carcere di Tora. La sua detenzione preventiva è stata confermata per quattro volte in assenza sua e dei suoi avvocati, in violazione del diritto di contestare la legittimità della sua detenzione.

Le 72 Ong chiedono alle autorità egiziane di garantire che, in attesa del suo rilascio, Ahmed Samir Santawy possa avere accesso regolare e immediato alla sua famiglia e ai suoi avvocati, gli venga fornita assistenza sanitaria adeguata e venga protetto da torture e altri maltrattamenti.

L’arresto di Ahmed Samir Santawy si colloca in un periodo in cui in Egitto è in atto una repressione senza precedenti nei confronti della libertà di espressione, associazione e riunione pacifica. Negli ultimi anni, le forze di sicurezza hanno arrestato centinaia di difensori dei diritti umani, attivisti, avvocati, politici, manifestanti pacifici, operatori sanitari, ricercatori e accademici, sottoponendoli a sparizioni forzate, torture e lunghi periodi di detenzione preventiva in attesa di indagini per accuse di terrorismo infondate.

Nel febbraio del 2020 le forze di sicurezza hanno arrestato, al suo arrivo in Egitto, Patrick George Zaki, ricercatore sui diritti di genere presso l’organizzazione Iniziativa egiziana per i diritti della persona e studente iscritto a un master all’Università di Bologna in Italia. Da allora è in stato di detenzione preventiva per accuse infondate di terrorismo.

Nel maggio del 2018 Walid Salem, ricercatore dottorando presso la University of Washington è stato arrestato in seguito al suo rientro in Egitto per la sua attività di ricerca sul campo. In attesa delle indagini, Walid Salem è stato rilasciato provvisoriamente a dicembre 2018, dopo aver trascorso sette mesi in regime di detenzione preventiva, ma le autorità gli hanno imposto un divieto di viaggio fuori dall’Egitto. Questi attacchi nei confronti di universitari e ricercatori pregiudicano ulteriormente la già limitata libertà accademica nel paese.

(*)

1. Amnesty International

2. Human Rights Watch

3. Scholars at Risk

4. Association for Freedom of Thought and Expression

5. Cairo Institute for Human Rights Studies

6. EuroMed Rights Network

7. Fidh, nel quadro dell’Osservatorio per la protezione dei difensori dei diritti umani

8. Omct (Organizzazione mondiale contro la tortura), nel quadro dell’Osservatorio per la protezione dei difensori dei diritti umani

9. International Service for Human Rights

10. Egyptian Front for Human Rights

11. Initiative franco-égyptienne pour les droits les libertés

12. Committee for Justice

13. The Freedom Initiative

14. Project on Middle East Democracy (Pomed)

15. The Tahrir Institute for Middle East Policy

16. People In Need

17. Mena Rights Group

18. Middle East Studies Association of North America

19. Pen International

20. Center for Reproductive Rights

21. Pan African Human Rights Defenders Network (AfricanDefenders)

22. Intersection Association for Rights and Freedoms

23. Regional Center for Rights and Liberties

24. Human Rights First

25. Hungarian Europe Society

26. Clean Air Action Group (Associazione ambientalista)

27. Democracy for the Arab World Now (Dawn)

28. El Nadim Center

29. Ankh (Rete araba per la conoscenza dei diritti umani)

30. Cairo 52 Legal Research Institute

31. HuMena for Human Rights and Civic Engagement (Humena Regional)

32. Háttér Society

33. Americans for Democracy & Human Rights in Bahrain (Adhrb)

34. Ökotárs – Fondazione di partenariato ungherese ambientale

35. Kenya Human Rights Commission

36. ?enter for Civil Liberties

37. humanrights.ch

38. Tunisian Human Rights League

39. Civicus

40. Comité de Vigilance pour la Démocratie en Tunisie – Belgio

41. Mwatana for Human Rights

42. Egyptian Human Rights Forum

43. Tunisian Association for the Defense of Individual Freedoms

44. Calam

45. Democratic Transition and Human Rights Support Center “Daam”

46. Tunisian Coalition Against the Death Penalty

47. Association of Tunisian Women for Research and Development-Aftudr

48. Nachaz Association

49. Utcáról Lakásba! Egyesület

50. Vigilance for Democracy and the Civic State

51. Comisiones Obreras

52. Hungarian Civil Liberties Union

53. Réseau des Organisations de la Société Civile pour l’Observation et le Suivi des Élections en Guinée (Rose)

54. Tunisian Association of the Democratic Women (Atfd)

55. Tunisian Forum for Economic and Social Rights (Ftdes)

56. Organisation du martyr de la liberté Nabil Barkati : Mémoire et fidelité

57. Mediterranean citizens’ assembly foundation (Facm)

58. Syrian Center for Media and Freedom of Expression (Scm)

59. Cear Pv

60. Syndicat National des Journalistes Tunisiens-Snjt

61. Aufstehn

62. Caminando Fronteras

63. Reprieve

64. Robert F Kennedy Human Rights

65. Arci

66. Reporter ohne Grenzen Österreich (Rsf)

67. Icid (Iniciativas de Cooperación Internacional para el Desarrollo)

68. Österreichische Liga für Menschenrechte

69. Kvinna till Kvinna

70. Ludwig Boltzmann Institute of Fundamental and Human Rights

71. Zara (Zivilcourage und Anti-Rassismus-Arbeit)

72. European Training and Research Centre for Human Rights and Democracy (Etc Graz) – presso il Centro internazionale per la promozione dei diritti umani a livello regionale e locale sotto l’egida dell’Unesco

Categorie: Non categorizzato
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Search

Racconti della Resistenza

Racconti della Resistenza

Il canale Instagram di Pressenza

Catalogo dei Documentari

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.