La legge regionale voluta dell’Assessore Marrone sta veramente producendo i primi effetti?

La norma riguarda il sequestro di Camper e Roulottes considerati abusivi sul suolo pubblico.

Marrone è l’Assessore alla semplificazione della regione Piemonte.

Un Assessore non dovrebbe garantire la sicurezza di tutti? anche dei Rom?

Sorge spontanea la domanda: a fronte della sua norma, quali sono le proposte alternative per semplificare la vita dei Rom che notoriamente vivono in “abitazioni mobili”?

Ci pare anche che questa norma implichi una sfiducia nella capacità di monitorare il territorio da parte delle Forze dell’Ordine, ricordiamo, tra l’altro, che la Polizia Locale torinese ha al suo interno il “nucleo nomadi”, risulta peraltro difficile non associarlo al concetto di “polizia etnica”.

Abbiamo sentito riguardo alla vicenda dello sgombero, avvenuto alcuni giorni fa al Villaretto, Igor Stojanovic attivista per i diritti delle persone Rom ed esponente di “Rom Sinti e Caminanti per il futuro“.

Si tratta di persone Caminanti italiane che arrivano dalla Sicilia, di religione protestante, che sono giunte a Torino in occasione di una festa religiosa.

Si sono accampati in zona Villaretto sul terreno privato di conoscenti che sono stati a loro volta multati per la somma di 4.000 euro.

Ci chiediamo: ma se io nel mio terreno voglio dare temporanea ospitalità a degli amici camperisti: pago 4.000 euro di multa?

Inoltre lo sgombero attribuito alla norma voluta da Marrone, non parrebbe avere attinenza con la norma stessa (stigmatizzata dall’UNAR) dato che i camper non erano sul suolo pubblico e non avevano occupato abusivamente il terreno privato.

Anche UCRI Unione Comunità Romanès in Italia dichiara in un duro comunicato la contrarietà al provvedimento di sgombero delle persone Caminanti.