Fridays in piazza in tutta Italia

18.02.2021 - Italia - Fridays For Future

Fridays in piazza in tutta Italia
(Foto di Alessandra Profilio)

É di pochi giorni fa la notizia dell’insediamento del nuovo Governo Draghi e della creazione del nuovo e tanto atteso ministero: il Ministero della Transizione Ecologica.
La notizia appare subito come positiva, per poi constatare al più presto che nessun superministero è stato creato, ma è semplicemente un nuovo nome per quello che era il Ministero dell’Ambiente, con qualche delega in più sul fronte energetico.

Un’altra cosa che ci lascia subito sgomenti è la scelta della figura messa a capo di questo ministero: il Ministro Cingolani, uno scienziato di fama internazionale esperto di intelligenza artificiale e nanotecnologie, responsabile dell’innovazione tecnologica di Leonardo S.p.A, azienda a partecipazione statale attiva nei settori della difesa, dell’aerospazio e della sicurezza.

Le nostre prime reazioni?
– Come potrà una persona senza specifiche competenze nel campo dell’ecologia assicurarci una transizione in equilibrio con gli ecosistemi e che tuteli la biodiversità?
– Come potrà una persona che ha liberamente scelto di lavorare per un’azienda che produce armi condurci verso una transizione che sia guidata dai nostri principi di giustizia climatica e che dunque sia equa per le persone?
– Come potrà una persona che ha dichiarato alla rivista di Eni “l’eolico, come il fotovoltaico, non è immune da impatto ambientale (a lungo andare si riempirebbe il pianeta di silicio e metallo). In questo momento il gas è uno dei mali minori: nel medio e lungo termine la risorsa più sostenibile” guidarci verso un futuro 100% rinnovabile?

Non abbiamo ancora delle risposte a questi interrogativi e le avremo solo dopo che avremo visto all’opera il nuovo Ministro, e che speriamo vedere all’azione insieme ai ministeri dello Sviluppo Economico, delle Infrastrutture e Trasporti, dell’Agricoltura e delle Foreste, ministeri dove vengono prese alcune delle decisioni che più impattano sul clima e sull’ambiente, e dunque sul nostro futuro.

Ci teniamo però a ribadire che le nostre richieste sono sempre le stesse e sono sempre più valide.
La transizione che vogliamo mette al centro l’ambiente e le persone, e non rimane nelle mani di pochi. Mette al centro le lavoratricI e i lavoratori, le studentesse e gli studenti. Mette al centro le/i più debol*, le/gli sfruttat* e mette ai margini i miliardari e chi inquina speculando sulla nostra vita e sui nostri territori.

Venerdì 19 febbraio alle 16 – ad un mese esatto dal prossimo Sciopero Globale per il Clima – saremo nuovamente in piazza in tutta Italia e a Roma davanti Montecitorio per riportare le nostre rivendicazioni al nuovo Governo: BASTA SOLDI PUBBLICI A FONTI FOSSILI, ARMI E GRANDI OPERE.

Non lasceremo che questa “transizione ecologica” sia la più grande operazione di greenwashing e che con i soldi del Next Generation EU venga foraggiato nuovamente il solito sistema distruttivo e inquinante.

CHI DISTRUGGE IL PIANETA NON PUÒ AIUTARCI A RIPARTIRE!

Fridays For Future

Categorie: Comunicati Stampa, Ecologia ed Ambiente, Europa
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Search

Racconti della Resistenza

Racconti della Resistenza

Il canale Instagram di Pressenza

Catalogo dei Documentari

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.