Congo, reporter locale: “i nostri morti non contano”

25.02.2021 - Agenzia DIRE

Congo, reporter locale: “i nostri morti non contano”

“Gli inquirenti che indagano sulla morte dell’ambasciatore Attanasio e del carabiniere Iacovacci non avranno vita facile: la gente qui è molto arrabbiata con il governo e il rischio è che non collabori affatto. Dovendo condividere il territorio con i gruppi armati, solo i residenti possono dare informazioni sulle loro attività e forse su quello che è accaduto lunedì mattina”. Così il giornalista Dido Kayembe all’agenzia Dire, che lo contatta a Goma, nella provincia del Nord Kivu.
Il reporter lavora per la testata Congo Check, per la quale ha già visitato più volte la zona dell’imboscata – non lontana da Goma – dove sono rimasti uccisi il diplomatico Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e l’autista del World Food Programme Mustapha Milambo.
Il problema sollevato da Kayembe potrebbe interessare anche i carabinieri del Ros, già arrivati in Congo su delega della Procura di Roma. Senza la cooperazione della popolazione, però, avverte il giornalista, “potrebbero tornare a casa con dati superficiali e parziali”.
A suscitare malcontento e indignazione, l’indifferenza che il governo mostra per la crisi nel nord-est della Repubblica democratica del Congo. “Nelle stesse ore in cui i vostri connazionali venivano uccisi- dice il giornalista- altri 15 congolesi perdevano la vita a causa dalle bande armate: sei a Beni e nove nella vicina provincia dell’Ituri. Il governo non ha speso una parola per loro nonostante da lunedì non smetta di esprimere cordoglio e condanna per la morte dell’ambasciatore italiano. Ho sentito tanta gente dire che, per lo Stato, la vita dei congolesi non conta”.
Il reporter sottolinea che “in tanti sono arrabbiati” e continua: “Il governo ha indetto commemorazioni di Stato a Kinshasa e a Goma per le salme dei vostri connazionali e ha subito inviato una squadra di inquirenti per indagare sull’accaduto”. Gesti inediti, mai visti per le vittime locali che pure si contano a migliaia, dice il cronista: “Dal gennaio 2019 solo in Nord Kivu i miliziani hanno ucciso 2.052 persone: una media di due morti al giorno. Ma il silenzio dello Stato è assordante”. Ora si è anche riaccesa la polemica per la promessa che a ottobre il presidente Felix Tshisekedi aveva fatto di trasferirsi a vivere a Goma, “fintanto che la pace non sarà ripristinata”. Un impegno che, finora, non ha mantenuto.
Kayembe sottolinea che “da tempo tanti organismi della società civile chiedono azioni concrete, più fondi all’esercito e una missione militare con Uganda e Ruanda”, Paesi dai quali provengono alcune tra le decine di milizie attive nel nord-est.
Rispetto all’agguato di lunedì, circolano molte versioni, e vanno tutte verificate, dice il giornalista: “C’è chi tira in ballo i Mai-mai oppure una nuova milizia nata da pochi mesi, legata alle Fdlr (quelle ufficialmente accusate dell’attacco, ndr) e guidate da un colonnello che ha disertato”. E i dubbi non mancano davvero, secondo Kayembe: “Il governo ha licenziato ieri il segretario del gabinetto del ministro dell’Interno che ha accusato per primo le Fdrl, senza prima avere l’autorizzazione del governo. Perché si è esposto così, a rischio di perdere il suo incarico?”

Categorie: Africa, Interviste, Politica
Tags: , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Search

Il canale Instagram di Pressenza

Catalogo dei Documentari

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.