Arabia Saudita, torna a casa dopo 1.001 giorni di carcere Loujain al-Hathloul

10.02.2021 - Riccardo Noury

Arabia Saudita, torna a casa dopo 1.001 giorni di carcere Loujain al-Hathloul
(Foto di Amnesty International)

Quando alle 18 di oggi sua sorella Lina ha pubblicato su Twitter l’immagine del suo volto commosso per il ritorno a casa, lo ammetto: sono scoppiato a piangere.

Loujain al-Hathloul, la coraggiosa attivista per i diritti delle donne dell’Arabia Saudita, è libera dopo 1.001 giorni di detenzione crudele e immotivata, tra isolamento, violenza sessuale, scioperi della fame e, alla fine, una condanna a oltre cinque anni che – tra sconto di pena e sottrazione dei due anni e mezzo già trascorsi in prigione – ha portato alla sua scarcerazione.

Loujain era stata arrestata nel maggio 2018 e accusata di reati inesistenti – come lo spionaggio e la cospirazione contro il regno saudita – solo per aver rivendicato al movimento per i diritti delle donne il successo delle campagne contro la discriminazione di genere.

Non conosciamo ancora tutti i dettagli, ad esempio se la libertà sarà sottoposta a condizioni. Le altre sue compagne di lotta restano ancora in carcere e nessuno sarà mai chiamato a rispondere delle torture che le sono state inflitte durante la prigionia. Ma ora abbracciamola, Loujain. La coraggiosa Loujain!

 

 

 

Categorie: Diritti Umani, Medio Oriente
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Search

Il canale Instagram di Pressenza

Catalogo dei Documentari

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.