Bolivia, riapriranno 100 radio comunitarie chiuse durante il colpo di Stato

16.01.2021 - Lorenzo Poli

Bolivia, riapriranno 100 radio comunitarie chiuse durante il colpo di Stato
(Foto di Radio Comunidad)

Il nuovo governo socialista boliviano di Luis Arce, ha ratificato la riabilitazione di decine di stazioni radio comunitarie appartenenti a popolazioni indigene, chiuse dal governo golpista filostatunitense della autoproclamata Jeanine Áñez, che le considerava “voci dissidenti”.

Secondo l’Agenzia Boliviana di Informazione (ABI), questi media, ubicati soprattutto nei dipartimenti di Oruro, La Paz e Santa Cruz, oltre ad essere stati chiusi, sono stati saccheggiati dalle bande parafasciste, le loro sedi bruciate ed i loro giornalisti perseguitati per motivi politici ed a volte picchiati dai manifestanti o incarcerati dalle forze di polizia governative.

L’attuale capo dell’RPOS, José Aramayo, ha dichiarato che quando ha assunto la guida del sistema il 30 novembre scorso, dopo un anno di governo golpista, ha trovato “un panorama devastato” con solo 16 radio in funzione su un totale di 104 che erano attive nel 2019.

Durante l’amministrazione illegittima infatti, l’allora Ministra delle Comunicazioni, Roxana Lizárraga, aveva accusato le stazioni radio che facevano parte degli RPOS di essere delle “voci sediziose” ed aveva dato il via alla crociata contro i media comunitari poiché avanzavano critiche nei confronti della sua gestione.

Durante quei giorni Aramayo era direttore della Radio Comunidad e fu legato dalle bande paramilitari ad un albero e picchiato mentre gli studi della emittente venivano saccheggiati (foto).

In pochi mesi, le autorità golpiste chiusero quasi un centinaio di stazioni radio comunitarie e altri media legati a Morales e al governo del Movimiento Al Socialismo (MAS) gestito da comunità indigene e organizzazioni sociali.

Il Sistema Nazionale delle Radio dei Popoli Indigeni (RPOS), l’organo coordinatore dei media comunitari, ha confermato la loro riabilitazione e recupero strutturale affinché possano svolgere nuovamente il loro lavoro, incentrato principalmente sulle comunità indigene del Paese sudamericano.

Furono anche oscurati i segnali delle reti televisive internazionali TeleSur e Russia Today (RT), oggi di nuovo attive e visibili.

Categorie: Cultura e Media, Sud America
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Search

Il canale Instagram di Pressenza

Catalogo dei Documentari

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.