È morto Marcello Zuinisi, paladino dei diritti delle popolazioni romanì

26.11.2020 - Lorenzo Poli

È morto Marcello Zuinisi, paladino dei diritti delle popolazioni romanì
(Foto di pagina Facebook)

Marcello Zuinisi, rappresentate legale dell’Associazione Nazione Rom, è morto a 52 anni in seguito ad un periodo di forte depressione. Fiorentino di nascita, residente in provincia di La Spezia, attivo anche nell’Unione Internazionale Romanì, in questi anni è sempre stato in prima linea contro il razzismo istituzionale, l’anti-zingarismo, la romanofobia, la segregazione razziale delle popolazioni Romanì in Italia e gli sgomberi dei campi nomadi.

Da sempre si è speso in campagne legali e giuridiche dedicando la sua vita alla difesa dei diritti umani e sociali delle popolazioni Rom in Italia, la cui condizione, come lui spesso ricordava, era rimasta invariata dai tempi del fascismo e del Porrajmos 1 .

Conduceva le sue campagne in modo combattivo, anti-diplomatico e sempre sul pezzo, capace di indignarsi ogni volta delle ingiustizie con lo stesso fervore. Insomma, non ne ha mai fatta un’abitudine.

Si è sempre battuto contro le oppressioni culturali che infieriscono su Rom, Sinti, Caminanti, Manush, Boyash e tutte le minoranze etniche “zingare”, appellativo dispregiativo che negli anni è stato risignificato in senso politico dalle stesse comunità e positivizzato come simbolo di identità culturale.

Da sempre si è battuto contro il fenomeno dell’etnicizzazione del reato, cifra caratteristica dei media mainstream nella cronaca nera, in grado di far passare con una connotazione più forte un omicidio e un reato quando vengono commesso da “rom” o da una persona di colore, mentre viene più accettato se è commesso da una persona della stessa nazionalità a tal punto che, a livello giornalistico, non viene specificato se un assassino o un ladro sono “italiani”.

In seguito all’omicidio di un poliziotto ad aprile, Marcello aveva dichiarato: “Massima la nostra vicinanza alla moglie, ai bambini, alla famiglia di questo signore morto lavorando – aggiunge – Vergogna al fascismo nazista razzista italiano che continua a perseguitare i rom da 80 anni. Chi stupra è stupratore, chi uccide è assassino, chi ruba è un ladro, indipendente dalla propria appartenenza etnica, dalla religione e dal credo politico. Lo dice anche l’articolo 3 della Costituzione Italiana”.

Dopo gli abusi di legge portati avanti da Virginia Raggi a Roma, Chiara Appendino a Torino e da Dario Nardella a Firenze riguardo a sgomberi, distruzione delle abitazioni di Rom Sinti Caminanti (RSC) al Foro Italico (11 agosto 2020); in Via Germagnano a Torino il 14 agosto 2020 e la mancata consegna di buoni alimentari a Firenze, Zuinisi e la sua associazione si erano rivolti al Tribunale Ordinario di Roma formalizzando denuncia e querela. Nei mesi di ottobre, novembre, dicembre 2020, a Bruxelles, si stavano svolgendo incontri con RSC per valutare il raggiungimento degli obiettivi stabiliti dagli Accordi Quadro Strutturali e programmare le strategie per il 2021 – 2027. La richiesta di ANR è “ apertura procedura di infrazione contro lo stato italiano ” per violazione delle direttive antidiscriminazioni razziali (2000/43/Ce), frode finanziaria ed economica (1371/2017) e dei regolamenti europei nei Comitati di Sorveglianza (1303/2013) sui Fondi Strutturali Europei 2014 – 2020. Era dal 2014 che chiedevano agli organi governativi 2 l’adeguamento della rappresentanza nei Tavoli di Inclusione e nei Comitati di Sorveglianza relativi alla gestione e programmazione dei Fondi Strutturali, il rispetto del regolamento Eu 1303/2013.

Questa l’ultima battaglia che aveva intrapreso a fianco della causa Rom.

Condoglianze alla famiglia, alle comunità Romanì e all’Associazione Nazione Rom

 

1#“grande divoramento” o “devastazione” indica prima la persecuzione poi lo sterminio subiti dalle minoranze linguistiche sinte e rom durante la Seconda Guerra Mondiale dai Paesi dell’Asse specialmente Germania nazista e Italia fascista

2# Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento Pari Opportunità – UNAR – Punto di Contatto Nazionale per il Governo italiano c/o la Commissione Europea, il rispetto degli Accordi Quadro Strutturali Europei 2014 – 2020, della Strategia Nazionale di Inclusione delle popolazioni RSC

Categorie: Europa, Politica
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Search

Il canale Instagram di Pressenza

Catalogo dei Documentari

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.