Priorità alla scuola, anche a Napoli insegnanti e studenti scendono in piazza

25.06.2020 - Napoli - Vincenzo Imparato

Priorità alla scuola, anche a Napoli insegnanti e studenti scendono in piazza
(Foto di Vincenzo Imparato)

Solide radici e rami in libertà, verso i desideri! È questo lo slogan di oggi per la mobilitazione organizzata dal comitato nazionale “Priorità alla scuola” a cui hanno aderito 48 associazioni, sindacati e altre organizzazioni. Sono state coinvolte 60 città italiane e l’appuntamento era per oggi, 25 giugno, alle 18:00.

A Napoli l’incontro ha avuto luogo in Piazza del Plebiscito all’orario previsto. La manifestazione, per quanto possibile, si è svolta nel rispetto delle regole di distanziamento ed erano presenti più di cento persone tra insegnanti, studenti e genitori.

Gli slogan dell’incontro richiamano le richieste delle manifestazioni dello scorso 23 maggio, a cui però nessuno sembra aver dato una risposta, tanto meno la ministra dell’istruzione Azzolina. Slogan che danno voce alle tante richieste delle persone in piazza e non solo, per una scuola che riparta a settembre senza dover fare i conti con le lezioni a distanza a cui già per troppo tempo abbiamo assistito.

Striscioni, cartelloni e numerosi interventi dal megafono hanno ben incluso il senso delle richieste contenute nel manifesto dell’evento, affinché il diritto allo studio sia garantito a tutti, si proceda al potenziamento del personale docenti e ATA, ci sia una riduzione di alunni per ogni aula ed evitare le cosiddette “classi pollaio”, e che ci siano gli interventi di manutenzione dell’infrastruttura scolastica. L’obiettivo è di iniziare il nuovo anno scolastico senza la riduzione del tempo-scuola, senza la DaD, senza una scuola intesa come un servizio di intrattenimento sociale.

“Presidente Conte e ministra Azzolina, non ci siamo proprio”, questo è il commento che dà inizio agli interventi di alcuni insegnanti attraverso il megafono principale. “La vostra scuola è quella della disuguaglianza, il cambiamento lo vogliamo attraverso i documenti ufficiali e non attraverso i social. Dopo 30 anni di tagli nemmeno la pandemia ha fatto invertire la rotta.”

Tra i partecipanti giravano tanti commenti critici sulle “linee guida” stabilite nella conferenza di ieri tra Stato-Regioni: una bozza di progetto non condivisa da nessuno, visto che secondo i manifestanti non avrebbe alcuna progettualità politica o programma di sicurezza che metta in primo piano la salute connessa a un concreto piano di istruzione. C’è chi la considera come una dichiarazione di guerra alla scuola pubblica, spianando così la strada a nuove privatizzazioni.

Tanti partecipanti si sono dimostrati preoccupati del divario tra Nord e Sud sempre più ampio, ma anche tra quartieri ricchi e poveri o di centro e periferia della stessa città. A Napoli la preoccupazione riguarda anche la situazione in cui versa l’istruzione al Sud; il Covid19 ha soltanto messo in evidenza delle carenze del sistema scolastico che restano irrisolte ormai da decenni.

Come sottolinea Marcella Raiola, una professoressa di scuola superiore: “Siamo indignati e denunciamo lo smantellamento della scuola pubblica”, afferma con decisione. “Non si sta garantendo in modo omogeneo l’istruzione che è un diritto fondamentale, la DaD non tiene conto della classe come attività di ricerca e delegare il problema ai presidi significa realizzare una secessione, dal momento che non tutti i territori godono degli stessi strumenti”.

Anche la situazione dei bambini disabili sembra essere trascurata. “Mia figlia è disabile e chiedo semplicemente un docente di sostegno fisso che la aiuti durante tutto il percorso scolastico”, dice Claudia Mennella. “Noi genitori con i bambini disabili siamo abbandonati e spesso ci dicono che non ci sono soldi per aiutarci”.

Categorie: Educazione, Europa, Fotoreportages, Politica
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.