Viaggio per diventare un essere umano migliore: perchè faccio ciò che faccio?

15.04.2020 - Redazione Italia

Viaggio per diventare un essere umano migliore: perchè faccio ciò che faccio?
(Foto di Engin Akyurt da Pixabay)

Il Dr. Parimal Merchant è membro del Movimento Umanista indiano dal 1980. Ha scritto una piccola serie intitolata “viaggio per diventare un essere umano migliore”, che riceviamo e volentieri pubbichiamo, a mo’ di rubrica, come contributo sul percorso che lo ha portato fino a qui e che oggi condivide con noi.

Il mio viaggio è iniziato quasi 40 anni fa. Camminando per strada, ho visto uno striscione che annunciava un corso gratuito sullo sviluppo personale. Ciò che mi ha attirato era la parola FREE. Così, sono andato a vedere di cosa si trattava.

Nella prima sessione quello che mi è stato detto mi è sembrato attraente, ma non così avvincente. Così, ho continuato in modo saltuario. Dopo un certo periodo, però, mi sono reso conto che ero già in viaggio.

Il termine per diventare un essere umano migliore è “viaggio” e non “destinazione”. Non è che ho completato un corso e un giorno sono diventato un essere umano “migliore”. Sono passati 40 anni e sono ancora in viaggio. Ogni volta percorro una distanza e continuo ad andare avanti. Ogni volta imparo e continuo a ‘diventare’ un essere umano migliore.

La parola “migliore” è importante. Divento migliore di quello che ero ieri. Non c’è confronto o valutazione da parte di nessuno. Io mi confronto solo con me stesso e io sono il giudice.

Infine, la parola “essere umano”. Non è un animale in più. Come spiegato nel libro Sapiens, si è evoluto da una delle specie più deboli, tremante di fronte agli animali feroci e ai capricci della natura, a quello che siamo oggi. L’essere umano è parte della natura, ma è diverso. Una mucca diecimila anni fa e una mucca oggi, entrambe impotenti si bagnano quando piove. Ma un essere umano è diverso. Si è evoluto e continua ad evolversi.

Ogni essere umano ha esperienze interne. Non è una macchina. Ci sono attività corporee come il metabolismo, la digestione, la circolazione sanguigna, l’autoguarigione, ecc. Diventare un essere umano migliore significa capire i propri sentimenti, pensarci e metterli in azione. Per questo motivo il lavoro può anche essere chiamato lavoro “interno”.

All’inizio del viaggio, una delle cose che ho capito è stato il significato della parola “significato”. Durante il viaggio, ho avuto una discussione occasionale con un amico sul tema del matrimonio d’amore vs. il matrimonio combinato. È emerso che non è questione di matrimonio d’amore o di matrimonio combinato, ma che è ciò che si fa dopo il matrimonio ad essere importante. Il punto era sconcertante. Non è che spesso ci si perde negli aspetti secondari e si perde così l'”essenza”? Se è così, si tratta di un mero dibattito o è una questione che ha a che fare con tutto ciò che facciamo nella vita? Questo mi ha portato a esplorare l'”essenza” di ciò che stavo facendo. Ho iniziato a farlo ponendomi una domanda: “A che scopo?”.

A quei tempi ero uno studente e avevo un modello di studio: l’ultimo mese mi ritiro da tutto, compro libri e studio per gli esami. Non sono mai stato un “topper”, ma potevo ottenere voti superiori alla media. Applicando la mia nuova comprensione a questo aspetto, mi sono chiesto: “A che scopo sto studiando?”. La risposta immediata è stata che stavo studiando per superare gli esami. Come pensavo, mi resi conto che non ero contento della mia risposta, così ho esplorato più a fondo. La risposta successiva è stata che non stavo studiando solo per passare, ma anche per ottenere buoni voti agli esami. Non fui contento nemmeno di quella risposta. Passare gli esami e ottenere buoni voti mi sembrava necessario, ma non sufficiente. Esplorando ulteriormente sono arrivato all’essenza: studio per sviluppare la mia padronanza della materia. Se questa era l’essenza, le rendevo giustizia? Questa consapevolezza ha cambiato il mio approccio allo studio. Da allora non ho mai studiato per gli esami. Studio per sviluppare la padronanza, dopodichè chiedetemi pure tutto quello che volete.

Ho accettato un lavoro e iniziato a lavorare, e presto la stessa domanda è tornata a tormentarmi.  A che scopo faccio questo lavoro? La risposta immediata è stata che si trattava di guadagnare uno stipendio. Non soddisfatto, ho esplorato più a fondo: lo facevo per mantenere la mia famiglia. Non ero soddisfatto nemmeno di quella risposta. Guadagnare uno stipendio e mantenere la famiglia mi sembravano ragioni necessarie, ma non sufficienti. Esplorando ulteriormente sono arrivato all’essenza: sto lavorando per sviluppare le mie capacità. Questa consapevolezza ha cambiato il mio approccio al lavoro. Da allora non ho mai guardato l’orologio durante il lavoro e non mi sono mai limitato ai miei compiti. Da allora ho affrontato ogni lavoro come un modo per sviluppare le mie capacità. Guardando indietro, posso garantire che ciò ha contribuito in modo fenomenale alla mia formazione e a come sono oggi.

Stessa domanda sull’amicizia: a che scopo? Per passare il tempo, per divertirsi, per avere compagnia, ecc. Tutto bello, necessario, ma non sufficiente. Poi emerge l’essenza: aiutarsi l’un l’altro a crescere nella vita. E il matrimonio, a che scopo? Per avere un compagno, perpetuare famiglia, ecc. Anche in questo caso, tutto ciò è bello, necessario ma non sufficiente. L’essenza è un rapporto né di possesso né di parassita. Non di un albero e di un rampicante, ma un rapporto di complementarietà: due alberi indipendenti, esseri umani, che si sostengono a vicenda per crescere nella vita.

Ben presto mi sono reso conto che porre la domanda, ‘a che scopo’, ed esplorare l’essenza, era il significato della parola ‘significato’. Comprendere il significato avrebbe sempre portato a un cambiamento radicale nel mio approccio a qualsiasi cosa stessi facendo.
Mi resi conto che stavo andando avanti nel mio cammino per diventare un essere umano migliore.

Parimal Merchant Volontario Umanista

Categorie: Asia, Non categorizzato, Umanesimo e Spiritualità
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

 

Solidarietà ai tempi del Coronavirus

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.