Transfobia: ancora una volta in Sardegna

14.04.2020 - Fabrizio Maffioletti

Transfobia: ancora una volta in Sardegna
Foto di repertorio (Foto di Fabrizio Maffioletti)

Il Movimento Sardo Transgender denuncia atti di transfobia sui social.

La vittima dell’episodio è stata un po’ “intempestiva” pubblicando il proprio post? Credo di sì.

Tuttavia l’autrice del post poteva essere stata ammonita per post “off-topic”, in ultima istanza il post sarebbe anche potuto essere cancellato degli amministratori della pagina.

Invece è ancora lì, con tutti gli odiosi insulti: body shaming, sovra-determinazione di genere, il tutto espresso con la massima, e gratuita, volgarità.

Riportiamo il comunicato del Movimento, dal quale abbiamo deciso di omettere, per rispetto, gli insulti che la Trans autrice del post ha ricevuto:

“Buongiorno a tutt*,
ieri sera siamo dovut* intervenire in un post presente all’interno del gruppo “Cerco Offro Lavoro CAGLIARI” (https://www.facebook.com/groups/lavorocagliari/permalink/2952459328150003/ [content warning: insulti transfobici e sessisti nei commenti]) visto che gli admin non hanno, ad ora, ancora provveduto a farlo, per cercare di moderare una situazione che purtroppo è andata a sfociare in insulti, offese e addirittura minacce in alcuni casi.

Il post è pubblico, e come quello anche i commenti, quindi chiunque può andare a vederlo, e vi invitiamo anche a farlo per rendervi conto del disprezzo col quale è stata ricoperta la vittima in questione.

Non è possibile che determinate situazioni continuino ad accadere indisturbate e che si lasci che rimangano ancora in sordina. ORA c’è da agire, e bisogna farlo al più presto, sia per tutelare la vittima di ieri, sia per le prossime persone indifese che verranno attaccate dal branco per una condizione medica e psicologica che non riguarda nessuno se non chi l’affronta.

Noi di Movimento Sardo Transgender esortiamo la persona in questione a sporgere formale denuncia alle autorità, e siamo pront* a suggerire il nome dell’avvocat* che riteniamo più valid* per il caso in questione, e con cui collaboriamo spesso per varie motivazioni.

[…] e questi sono solo alcuni dei commenti deplorevoli che sono stati letti sotto quella richiesta di semplice amicizia.

A tutto questo, si aggiunge chi giustifica gli insulti chiamandoli pareri, chi colpevolizza la vittima per aver ostentato qualcosa (vi suona familiare?) e chi, non capendo la gravità della situazione, riporta pezzi di commenti per dire “questo fa solo ridere, non è offensivo”, senza contare gli innumerevoli commenti in cui la ragazza è stata chiamata al maschile o in cui veniva ribadito che fosse “un uomo in gonnellina”.

Alla nostra denuncia si è già aggiunta l’associazione studentesca cagliaritana UniCa LGBT, ma speriamo di ricevere altri consensi anche sul piano nazionale; vi preghiamo di dare visibilità a questa notizia, perché questi episodi discriminatori non si ripetano.

È sempre più forte la consapevolezza che sia strettamente necessaria una legge sull’omobitransfobia, e dobbiamo tutt* pretendere che venga creata una forma di tutela.”

Altri episodi di transfobia in Sardegna:

Transfobia, Oristano: ancora un’episodio in Sardegna

Grave aggressione di due donne Trans a Sassari: intervista a Giulia Carta di ASCE Onlus

 

Categorie: Comunicati Stampa, Europa, Genere e femminismi
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

 

Solidarietà ai tempi del Coronavirus

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.