Afghanistan, otto anni di carcere possono bastare: “blasfemo” torna in libertà

11.03.2020 - Riccardo Noury

Afghanistan, otto anni di carcere possono bastare: “blasfemo” torna in libertà
La cavità rimasta dopo la distruzione delle statue di Buddha a opera dei Talebani (Foto di Flickr)

Zaman Ahmadi è tornato libero martedì 11 marzo e ha riabbracciato la sua famiglia a Kabul, la capitale dell’Afghanistan.

La Corte Suprema, come riferisce il portale KabulNow, ha stabilito che otto dei 20 anni di carcere che gli erano stati inflitti potevano bastare.

Nel 2012 Ahmadi era stato giudicato colpevole di blasfemia per un articolo mai pubblicato e solo proposto in bozze a un periodico mensile sulla distruzione delle statue di Buddha di Bamiyan, risalente al 2001.

La direzione del mensile aveva invitato l’autore in redazione per commentare la bozza e nel frattempo aveva chiamato la polizia.

Da lì l’arresto e la successiva condanna per blasfemia e conversione al buddismo, circostanza che peraltro Ahmadi ha sempre negato.

 

 

Categorie: Asia, Diritti Umani
Tags: , , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.