Procida «Capitale della Cultura»

05.02.2020 - Gianmarco Pisa

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo

Procida «Capitale della Cultura»
(Foto di Ekrem Canli - CC BY SA 40)

Comune di Procida, Università “Federico II” di Napoli e “Luigi Vanvitelli” di Caserta, Istituti Universitari “L’Orientale” e “Suor Orsola Benincasa”, Stazione Zoologica “Anton Dhorn”, Camera di Commercio di Napoli, ANCIM (Associazione Nazionale Comuni Isole Minori), Area Marina Protetta “Regno di Nettuno”, Istituto Nautico “Caracciolo” e ancora la Banca Popolare di Torre del Greco e le SpA Alilauro, Caremar, Grimaldi, Marina di Procida, Medmar e SNAV, sin da subito accompagnate dalla Città Metropolitana di Napoli, che proprio in questa sede ha pre-annunciato la propria adesione, sono il «nucleo promotore» della candidatura di Procida a Capitale Italiana della Cultura 2021.

L’evento di presentazione, che si è tenuto nella sala “Mariella Cirillo”, presso Palazzo Matteotti, sede monumentale della Città Metropolitana di Napoli, lo scorso 4 febbraio, con la partecipazione delle principali figure istituzionali e scientifiche, alla presenza di una platea gremita di cittadini, operatori culturali, giornalisti, non è stata solo una occasione cerimoniale di presentazione delle prossime tappe dell’iter di candidatura, fino alla auspicata formazione della short list e della selezione conclusiva, ma soprattutto ha rappresentato l’occasione per illustrare il ritmo del percorso e le ragioni della candidatura di una realtà che, già di per sé, è una «capitale culturale», uno dei contesti, sia dal punto di vista culturale, sia sotto il profilo paesaggistico, più singolari del Mediterraneo. Non a caso il dossier di candidatura porta il titolo: «Procida Immagina».

Come è stato detto in apertura dei lavori, nella relazione introduttiva della consigliera metropolitana (delegata alla rete dei siti UNESCO e al patrimonio culturale) Elena Coccia, figura di primo piano della sinistra napoletana, la candidatura di Procida a «Capitale Italiana della Cultura» 2021 è anche una risposta alla sfida che lancia, alle comunità locali e agli operatori culturali, la Convenzione di Faro, ratificata al Senato nell’ottobre scorso, ma non ancora alla Camera, vale a dire la Convenzione che sancisce il valore del patrimonio culturale, complessivamente inteso, come «eredità culturale», vale a dire come «insieme di risorse ereditate dal passato che le popolazioni identificano, indipendentemente da chi ne detenga la proprietà, come riflesso ed espressione dei loro valori e credenze, conoscenze e tradizioni, in continua evoluzione» e che per la prima volta riconosce, nei soggetti della partecipazione, della protezione e della promozione del patrimonio, una vera e propria «comunità di patrimonio», in quanto chiunque ha diritto a «trarre beneficio dall’eredità culturale e contribuire al suo arricchimento» e, in particolare, «l’esercizio del diritto all’eredità culturale può essere soggetto soltanto a quelle limitazioni che sono necessarie in una società democratica, per la protezione dell’interesse pubblico e degli altrui diritti e delle altrui libertà». Concetto, sviluppato nella relazione introduttiva, ma ribadito poi in numerosi interventi, a partire da quello del direttore della candidatura, già project manager di Matera Capitale Europea della Cultura 2019, Agostino Riitano, sottolineando la collaborazione inter-istituzionale e la partecipazione pubblica, già così sentita e vivace, intorno al progetto di candidatura.

Tutti gli interventi, tra cui quello del Sindaco del Comune di Procida, Raimondo Ambrosino, non hanno mancato di evidenziare la straordinaria eccezionalità del luogo e la propensione di Procida a farsi «capitale della cultura» all’insegna dell’inclusione e dell’apertura, dei ponti e dei porti, che sono così tipici non solo delle architetture mediterranee, di cui l’isola è un vero e proprio scrigno, ma anche della vocazione procidana, terra di marittimi e di attraversamenti. Giustamente è stato sottolineato che Procida è il «luogo di nascita» dell’Occidente: qui, secondo il mito, si consumò la lotta tra gli dei ed i giganti; qui, secondo le fonti storiografiche antiche (Dionigi di Alicarnasso) fu sepolta la mitica nutrice di Enea (e l’isola è una delle tappe cruciali dell’itinerario culturale trans-nazionale de “la Rotta di Enea”); ancora qui, «prossima a Cuma», giunsero i coloni greci nella loro migrazione, appunto, da Ischia a Cuma. Ma Procida fu abitata, da coloni micenei che si spinsero, per la prima volta, in profondità ad Occidente, sin dal XV secolo a. C. E qui fu issato, nel 1799, l’ “albero della libertà”, partecipando l’isola alla sollevazione anti-borbonica che portò alla proclamazione della Repubblica Partenopea.

Culmine della conferenza è stato lo “svelamento” ufficiale del logo della candidatura di Procida Capitale della Cultura 2021, opera di Paolo Altieri, direttore creativo dell’Agenzia Altieri associati/Communication design: il logo, caratteristico per le sue “circolarità”, è sulla pagina www.facebook.com/procida2021

Categorie: Cultura e Media, Europa
Tags: ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

 

Solidarietà ai tempi del Coronavirus

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.