Milagro Sala passa il suo quinto compleanno consecutivo in prigione

22.02.2020 - Osvaldo Bocero

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo

Milagro Sala passa il suo quinto compleanno consecutivo in prigione
(Foto di Pagina 12)

La leader sociale Milagro Sala ha compiuto 56 anni giovedì. Attualmente è agli arresti domiciliari nella sua casa di San Salvador de Jujuy. È stata arrestata nel contesto di una manifestazione all’inizio del 2015. Da allora non ha mai riavuto la libertà.

Il 16 gennaio, la referente dell’organizzazione di quartiere Tupac Amaru ha celebrato quattro anni di detenzione, prima nel carcere “Alto Comedero” e dal 2018 nella sua casa nel quartiere di Cuyaya, a San Salvador de Jujuy, dove condivide le sue giornate con il suo partner Raúl Noro e con i visitatori che provengono da diverse parti del paese – e anche da altri paesi – per incoraggiarla e sostenerla.

Di recente in un’intervista pubblicata dal quotidiano Página 12, Sala ha affermato che «farei di nuovo ciò che ho fatto, perché sono convinto che il bisogno dell’altro debba essere soddisfatto. Le persone si aspettano che i leader risolvano i loro problemi. Sfortunatamente, ci sono molti leader che non risolvono i problemi per l’altro, ma per sé stessi. Quello che mi manca di più, ora che sono rinchiusa in casa mia – e quello che mi è mancato di più in prigione – è la militanza”.

In quell’intervista, Milagro Sala ha contestato duramente al governatore Gerardo Morales di essere “perseguitata in modo permanente” dal presidente. L’obiettivo dell’organizzazione, ha affermato, “non è mai stato quello di competere con lo Stato. Tutto è stato sempre fatto in base ai bisogni delle persone, siano esse case, scuole, fabbriche o piscine. ”

“Morales prova un odio viscerale nei miei confronti; un odio che non capisco perché si comporta come se gli avessi preso qualcosa e non credo che sia neanche per rivalità politica”, ha spiegato Milagro Sala nell’intervista, aggiungendo: “Non gli ho mai preso nulla, neanche la ribalta politica. Mi ha reso virale ciò che mi ha fatto lui. E sembra non avere limiti.”

Per quanto riguarda la possibilità di ritornare in libertà, la leader di Tupac Amaru ha sottolineato di avere “molta speranza” e ha aggiunto: “Vorrei che quest’agonia finisse, la mia come anche quella dei miei compagni. Siamo ostaggi della politica di opposizione”.

Alla fine, la leader jujeña ha detto: “La cosa peggiore di questi quattro anni è che mi hanno trattato come un oggetto. E sapere che accadono cosa al di fuori che non puoi risolvere stando dentro. Chi ti ama non vuole che tu le sappia, ma tu le cose le vieni a sapere lo stesso”.

Milagro Sala è stato condannata a 13 anni di carcere per il crimine di “associazione illecita”, secondo la sentenza del Tribunale Penale n. 3 di Jujuy nel quadro del caso chiamato “Pibes Villeros”. Questa sentenza è stata impugnata dinanzi alla Corte Suprema di Giustizia e se ne sta attendendo la revisione.

Categorie: Diritti Umani, Opinioni, Sud America
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

 

Solidarietà ai tempi del Coronavirus

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.