Lungo i sentieri della pace

24.02.2020 - Napoli - Gianmarco Pisa

Lungo i sentieri della pace
(Foto di Daniel Ramirez from Honolulu, USA)

La Seconda Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza fa tappa a Napoli e si tratta di un appuntamento senza dubbio importante, per diversi motivi. Il primo: connettere territori e città nel lavoro di promozione sociale e di “educazione civica” per la pace e, in particolare, per la «pace positiva»: pace e giustizia insieme, pace con giustizia sociale, un approccio positivo (costruttivo) alla pace che sfidi la «maledizione del pendolo», né “pacificazione” o “consolazione” per l’assenza di una guerra conclamata o di una violenta escalation, né retorica o declamazione, fatta solo di slogan e parole abusatissime; ma, viceversa, un processo storico e sociale, quindi politico, tutto da costruire, un impegno costante, al tempo stesso, di rigenerazione e trasformazione sociale, l’idea che la pace non può essere disgiunta dalla giustizia sociale e dalla garanzia di «tutti i diritti umani per tutti e per tutte» e che non può essere conseguita nel quadro dominante che il “sistema” ci consegna: capitalismo, imperialismo, militarismo, nazionalismo, etno-centrismo, nella miriade di varianti, vecchie e nuove, nelle quali questi si aggiornano e si ripropongono.

Il secondo: connettere pratiche e movimenti, gruppi ed esperienze per superare, da un lato, divisioni e incrostazioni, spesso, di fronte alla condivisione di pratiche e linguaggi e alla corrispondenza degli obiettivi che si perseguono, residuali o incomprensibili, e soprattutto, dall’altro, per ricostituire quella che, per un certo tempo, si è definita la «massa critica», la capacità di percorrere un terreno unitario, la capacità di aggregare un numero più ampio di forze e di sensibilità, l’ambizione di proiettare lo sforzo verso una mobilitazione e un movimento di massa, capace di parlare il linguaggio dell’impegno per la pace e contro la guerra, per la democrazia più avanzata e contro le ingiustizie, al maggior numero possibile di persone. «Parlare a tutti e a tutte», un antico insegnamento, che non dovremmo dimenticare; anche recuperando la memoria delle esperienze del nostro passato recente, le grandi mobilitazioni contro la guerra e per la pace e le grandi manifestazioni contro la globalizzazione e la devastazione eco-sistemica, per innervare nuovamente il nostro spazio e il nostro tempo di contenuti che, con sempre più urgenza, parlano di un futuro comune.

Il terzo, non meno importante: diffusione e contaminazione di narrazioni di lotta e di resistenza. Quando ho avuto la possibilità di partecipare ai lavori della IV Conferenza Mediterranea a Beirut, nello scorso marzo, è risultato da subito chiaro che il nostro Mediterraneo è uno spazio comune di incontro e di meticciato, senza dubbio, con tutto il portato di memorie pubbliche e narrazioni sociali, di lingue e di culture, di storia e di attraversamenti, che hanno fatto così denso e caratteristico questo spazio geografico e politico; ma è anche un territorio strategico per la lotta per la pace e la giustizia, come, del resto, le cronache, ormai non più solo quelle recenti, non mancano di ricordarci, praticamente ogni giorno. Uno spazio, cioè, in cui la lotta per la auto-determinazione dei popoli, nel rispetto dei principi del diritto e della giustizia internazionale, non smette di esercitare la sua forza; dove la lotta contro ogni forma di ingiustizia e di (vecchia e nuova) oppressione non smette di animare le ragioni delle piazze e delle mobilitazioni; dove la lotta contro la guerra e contro la militarizzazione diventa davvero più urgente che mai, in un’area in cui la presenza e la violenza delle armi, sempre intollerabile, lo è diventata ancora di più. Con giovani e attivisti ci siamo confrontati su questi temi nell’occasione di un recente laboratorio, qui nell’area metropolitana di Napoli, a Torre del Greco, dalle cosiddette “primavere arabe” sino alle più recenti aberrazioni del Piano Trump.

L’occasione del passaggio a Napoli della Seconda Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza ci fornirà dunque l’occasione per tornare a incontrarci (domenica 1 Marzo, l’intera mattinata, al Maschio Angioino) e confrontarci proprio su questi giganteschi (ma così vicini a noi tutti e alla nostra quotidianità) scenari: provando a intrecciare istanze e conflitti, su invito del Festival del Cinema dei Diritti Umani (referente locale della Marcia), con Rafael de la Rubia (ideatore della Marcia) e Deepak Vyas (presidente Global Trust, India), e insieme con i «Fridays For Future» e i «Teachers for Future», l’Atlante dei Conflitti e delle Guerre del Mondo, il Comitato Pace, Disarmo e Smilitarizzazione, l’IPRI – CCP (Istituto Italiano di Ricerca per la Pace – Corpi Civili di Pace). Non a caso, il manifesto della Marcia, tra i suoi obiettivi, non dimentica il nesso tra giustizia e diritti e rivendica la costruzione di una «Carta Democratica della Cittadinanza Globale, che integri la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani» appunto nel senso di «tutti i diritti umani per tutti», diritti civili e politici, diritti economici-sociali e culturali, diritti dei popoli e dell’ambiente. In una realtà così peculiare e vibrante come Napoli, non si tratta dell’unica azione in tal senso: è stato già lanciato il percorso di un’assise unitaria delle realtà pacifiste e antimilitariste della Campania, su iniziativa unitaria del Comitato di lotta per la salute mentale di Napoli; Comitato Pace, Disarmo e Smilitarizzazione del territorio; Campagna «Napoli Città di Pace»; la Rete contro la guerra e il militarismo e lo spazio autogestito «Santa Fede Liberata».

Categorie: Europa, Internazionale, Nonviolenza, Pace e Disarmo
Tags: ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

 

Solidarietà ai tempi del Coronavirus

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.